Spooks
Doom Patrol
Mirzapur
Elementary
Roswell, New Mexico
Chernobyl
Sherlock
Jessica Jones
La Fantastica Signora Maisel
Lie to Me
The Boys
The End of the F***ing World
Warehouse 13
Stranger Things
Bodyguard

Game of Thrones 8x03: i Riferimenti Nascosti che forse vi siete persi e il Bilancio dei Morti

Game of Thrones 8x03: i Riferimenti Nascosti che forse vi siete persi e il Bilancio dei Morti

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Non abbiamo resistito ad un rewatch dell'episodio 8x03 di Game of Thrones (che abbiamo recensito in questo articolo), per carpirne alcuni particolari che durante la prima visione ci erano sfuggiti. Ne parliamo nel corso di questo approfondimento nel quale, in fondo, faremo il bilancio di chi non è sopravvissuto alla Battle of Winterfell. 

Il titolo

Eravamo sicuri che, in questo caso, il titolo sarebbe stato Battle of Winterfell, per l'appunto. E invece il titolo ufficiale dell'episodio è "The Long Night" - " La lunga notte" che, come saprete, è il titolo dello spin-off  de il Trono di Spade, che probabilmente arriverà nel 2020/2021.

Not Today

Cosa diciamo al Dio della Morte? È ciò che chiede Melisandre ad Arya, e lei conosce benissimo la risposta. Ricorderete di certo chi gliel'ha insegnata per la prima volta:

Game of Thrones 8x03: i riferimenti nascosti che forse vi siete persi e il bilancio dei morti.

Ma questo è solo il più memorabile dei tanti insegnamenti che la nostra eroina ha ricevuto nel corso delle 7 stagioni. Ne ha fatto tesoro e i frutti di quelle lezioni di vita e non solo li abbiamo potuti ammirare proprio nel corso di questo episodio. Sappiamo quanto agli autori di Game Of Thrones piaccia fare delle citazioni dalle stagioni precedenti, e in questo caso si sono davvero divertiti: avete notato la frase pronunciata da Arya quando ha invitato la sorella maggiore ad andare nelle cripte, dandole un coltello per difendersi? Sansa non ha idea di come si usi e Arya risponde così: "Stick them with the pointed end" - "infilzali con la lama appuntita". Suona familiare? Dovrebbe, perché è esattamente la stessa identica frase che le aveva detto Jon Snow, quando le ha donato la spada Ago, addirittura nella prima stagione.

È poi particolarmente sconvolgente riflettere sul fatto che poco o niente di questa serie sia stato casuale, e lo dimostrano Beric Dondarrion e Il Mastino. i due hanno avuto un ruolo importante per tutto il percorso di Arya, ma solo in questo episodio scopriamo che la loro esistenza - o, per meglio dire, la loro sopravvivenza - aveva un unico scopo: proteggere e aiutare Arya nella battaglia, perché potesse salvare tutti uccidendo il Re della Notte

Game of Thrones 8x03: i riferimenti nascosti che forse vi siete persi e il bilancio dei morti.

Beric è letteralmente stato resuscitato più volte dal Signore della Luce, ma anche il Mastino è sopravvissuto a una miriade di situazioni potenzialmente fatali. Ora è chiaro: erano predestinati.

Ricordate il combattimento a singolar tenzone tra il leader della Fratellanza senza Vessilli e Clegane? È quest'ultimo ad avere la meglio, riuscendo ad uccidere Dondarrion, il quale però viene riportato in vita. Non è sicuramente un caso che Arya si trovi proprio lì quando ciò è accaduto. Per altro, lei stessa ha tentato, in quella medesima scena, di approfittare della confusione del momento per uccidere il Mastino, ma è stata fermata: "Brucia all'inferno", gli urla Arya. "Lo farà, ma non oggi", risponde Beric appena resuscitato. 

Riguardare ora questo spezzone della 3x04 fa venire i brividi:

Certe armi non finiscono

Fanno giri immensi e poi ritornano (semicit.). Anche in questo caso: niente è casuale: è tutto studiato nei minimi particolari. Iniziamo con la daga, ovviamente: è la stessa arma che ha di fatto dato inizio alla guerra dei Cinque Re, perché utilizzato nel tentato omicidio ordito da Ditocorto ai danni del povero Bran, costretto a letto dopo la caduta. Pensavamo che il cerchio di quella daga si fosse concluso, proprio quando Arya l'ha usata per uccidere lo stesso Baelish. E invece no, Bran l'ha consegnata alla sorella per un obiettivo ancora più grande: salvare lui e tutti quanti uccidendo il Re della Notte.

Vi è poi un altro sottile riferimento alla prima stagione: Theon che difende Bran con l’arco, ricorda l’episodio in cui il ragazzino, uscito per la prima volta a cavallo - con la sella speciale donatagli da Tyrion - fu vittima di un'imboscata da parte dei bruti. Il fortunoso intervento di Theon con l'arco riuscì a salvarlo. 

Infine, Ghiaccio, l'indimenticabile spada in acciaio di Valyria di Ned Stark: dopo la sua morte, è stata fusa, e da essa sono state forgiate due spade, impugnate ora da Brienne e Jaime proprio per difendere Grande Inverno.

Il bilancio delle vittime

Non pochi fan non hanno gradito quel buio che, secondo loro, non consentiva di seguire la trama con attenzione.
Personalmente, ritengo che invece gli sceneggiatori abbiano fatto un lavoro perfetto e realistico. D'altra parte, sapevamo che era nelle intenzioni degli ideatori creare delle scene di battaglia nelle quali si percepisse la fatica, anche da casa comodamente sul divano.

 In ogni caso, se avete avuto delle difficoltà a distinguere e a ricordare chi è sopravvissuto e chi no, ecco un "breve" elenco dei personaggi importanti che non vedremo più.

  • Edd: il guardiano della notte è il primo ad andarsene, dopo aver salvato Sam.
  • Lyanna Mormont: la coraggiosa ragazzina muore in una scena straziante, ma in cui mostra tutto il suo coraggio e il suo valore, uccidendo Wun Wun, il gigante estraneo. 
  • I Dothraki: ipotizziamo siano tutti morti, compreso Qhono. Sia loro che Edd che Lyanna vengono risvegliati all'arrivo del Re della Notte. Tuttavia (fortunatamente) ci hanno risparmiato scene horror di loro che ritornano e uccidono qualcuno, limitandosi a mostrarci unicamente i loro occhi di ghiaccio, che comunque non sono durati molto.
  • Molti Immacolati: anche se Verme Grigio, la cui morte era particolarmente quotata, sembrerebbe averla spuntata.
  • Theon Greyjoy: nella recensione abbiamo commentato profusamente le scene che lo riguardavano. Il sacrificio compiuto da Theon ne ha determinato la definitiva redenzione agli occhi degli Stark e dei fan.
  • Beric Dondarrion: questa volta il Signore della Luce non lo riporterà più in vita, perché il suo compito è stato portato a termine. 
  • Melisandre: muore nell'ultima scena dell'episodio: anche il suo compito è concluso, e può spogliarsi del suo "involucro", per tornare al suo Dio.
  • Il Re della Notte: eliminato in una scena epica dalla nostra Arya. Con lui, si spera, sono stati eliminati tutti i White Walkers, compreso il drago Viserion.
  • Jorah Mormont: così come Theon e Beric, anche a Jorah è toccata una morte poetica, tra le braccia dell'amata Daenerys, nel tentativo di salvarla. Seppur breve, la scena che ha ritratto il momento della sua dipartita è stato particolarmente toccante: non abbiamo visto spesso Daenerys abbandonarsi al pianto, ma non poteva essere diversamente per colui che è stato il suo braccio destro, consigliere e primo sostenitore per anni. Anche se non ne ricambiava i sentimenti, l'affetto della Regina per Jorah non è mai stato messo in discussione.
Game of Thrones 8x03: i riferimenti nascosti che forse vi siete persi e il bilancio dei morti.

Temevamo per le sorti di Spettro (il metalupo) e di uno dei due draghi (Rhaegal, quello guidato da Jon Snow). Tuttavia, sembrano intravedersi tutti e tre nel trailer del quarto episodio, per cui abbiamo tirato un sospiro di sollievo. 

Tutto sommato si tratta di un elenco molto breve, che neanche il più ottimista e speranzoso dei fan si sarebbe aspettato di vedere. Direi che si tratta del colpo di scena più importante della puntata: probabilmente anche Cersei sperava di liberarsi di qualcuno dei suoi nemici...

Vi diamo appuntamento a giovedì, per le anticipazioni della puntata 8x04: nell'editoriale, approfondiremo in particolare le profezie che riguardano il destino della Regina Lannister, Arya e Jaime, e a lunedì per la recensione del nuovo episodio.

Ancora una volta vi invitiamo a farci conoscere le vostre opinioni commentando sulla nostra pagina Facebook!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  

Ti consigliamo anche...

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.