The Witcher: gli Scrittori svelano un Mostro che non abbiamo potuto vedere nella 1° Stagione

The Witcher: gli Scrittori svelano un Mostro che non abbiamo potuto vedere nella 1° Stagione

Scritto da:  - 

Tutti i fan che hanno visto la prima stagione di The Witcher, hanno potuto incontrare diversi mostri e creature dei romanzi, tra cui una Striga, un Kikkimore e tanti altri. Detto questo, ci sono molte più creature di quelle viste, nel mondo creato da Andrzej Sapkowsk. 

Ad un certo punto, durante lo sviluppo dello show, uno scrittore ha lanciato l'inclusione di un mostro noto come Selkie Maw. 

In realtà, nello show ne vediamo solo le conseguenze di questa battaglia nell'episodio 4 dopo che Geralt (Henry Cavill) è tornato nella taverna coperto di viscere mostruose. Lo scrittore Declan de Barra ci ha dato il nostro primo sguardo a questo mostro sui social media.

L'immagine accompagnava il suo tono iniziale per l'episodio e Selkie Maw è una lunga creatura, simile a un serpente gigante con un'enorme bocca e occhi multipli. Anche se non c'è un motivo specifico per il taglio del mostro dallo show, speriamo in qualche modo che faccia la sua apparizione nella seconda stagione.

Ecco a voi il Tweet dello scrittore:

La showrunner Lauren S. Hissrich ha poi aggiunto le sue parole sul tono iniziale di Barra, e sembra che non vada da nessuna parte:

"Non dimenticherò mai Declan che lancia questa storia il primo giorno del suo episodio, completo di aiuti visivi. Nota per sé: non lasciarlo mai andare. 😍"

C'erano diversi mostri nella prima stagione, ma ce ne sono molti altri da vedere nella prossima seconda stagione

Qui trovate un'altra illustrazione del mostro in questione, sempre pubblicata da De Barra:

Cosa ne pensate delle fattezze del Selkie Maw? E che mostri vi aspettate per la prossima stagione?

Come sempre, vi invitiamo a commentare la notizia sulla nostra pagina Facebook e, per rimanere sempre aggiornati sul mondo delle serie tv, vi invitiamo a seguire anche la nostra pagina Instagram!

Fonte: Comic Book

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.