Sarah Paulson parla del suo Iconico Ruolo in Ratched e del futuro di American Horror Story

Sarah Paulson parla del suo Iconico Ruolo in Ratched e del futuro di American Horror Story

Scritto da:  - 

Sbarcata su Netflix da pochi giorni, la serie TV Ratched è già un successo ed è, a oggi, lo show più seguito al mondo. Nata dalla mente di Evan Romansky e plasmata dalle capacità autoriali dell’istrionico Ryan Murphy, lo show ha come protagonista Sarah Paulson, attrice ormai diventata la musa del regista americano con il quale si è creata una grandiosa sinergia.

Durante un’intervista telefonica, l’attrice americana parla di come ha scoperto per la prima volta questo progetto e della responsabilità imponente che ha rappresentato interpretare il suo personaggio:
"Ryan non è venuto direttamente da me. C’è stato un teatrino divertente tra noi, perché lui non se la sentiva di chiedermelo direttamente, avendo timore che non accettassi un ruolo così imponente. Allora gli ho domandato: 'Cos'è questa faccenda di Ratched? E perché fingi di non volermelo chiedere?'. Alla fine me lo ha chiesto, io ho accettato e lui mi ha detto: 'Ok, ma prima di iniziare davvero, voglio solo che tu capisca cosa significherà questo. Lavorerai ogni giorno. Non avrai un giorno libero. Interpreti lo stesso personaggio, stagione dopo stagione. In American Horror Story, una delle cose che mi hai sempre detto di amare è come ogni anno riesci a fare qualcosa di nuovo e non ti annoi mai. Voglio solo assicurarmi che iniziamo questo percorso nel giusto modo'. Così io gli ho risposto: 'Sono pronta per questo. Voglio farlo'. È andata proprio così".

La Paulson ha poi paragonato il lavoro che richiede l'interpretazione dei personaggi dell’infermiera Mildred Ratched e Marcia Clark in American Crime Story:
"Erano ugualmente terrificanti da affrontare ma per diversi fattori. Marcia Clark è una persona reale, so che l'infermiera Ratched è come se fosse una persona reale grazie alla performance iconica di Louise Fletcher, ma in realtà non lo è. La cosa meravigliosa che permettiamo quando le persone vanno a teatro o al cinema è di essere aperti all'interpretazione. Questo fa parte della gioia di riuscire a fare alcuni di questi grandi lavori. Ma con Mildred ho pensato che la paura qui sarebbe stata quella di combattere le aspettative. La gente adora odiarla. Spero che, dopo aver visto la mia Mildred, la gente possa chiedersi se fosse poi così malvagia, dopotutto".

Sarah Paulson prosegue nell'intervista spiegando come si sia avvicinata alla ricerca di Mildred in questa fase della sua vita e tutte le affascinanti dinamiche dei personaggi:
"Penso che sarebbe stato irrispettoso per me non aver visto il film più volte prima di iniziare. L'unico motivo per cui riesco a farlo è perché lei era così brillante e c'era così tanto mistero intorno al suo personaggio, l'asprezza e l'impegno. Penso che sia stato molto coraggioso da parte di Louise Fletcher accettare di farlo e, ovviamente, lo ha fatto più brillantemente di chiunque altro e ha vinto un Oscar per quel coraggio e quella scelta".

"Volevo guardarlo il film. Volevo pensare alla performance di Louise Fletcher, quasi come la spina dorsale di quello che avrei fatto e di come avrei resistito. Ho pensato spesso a lei. L'ho fatta ballare intorno ai miei pensieri, più che potevo. Ma poi, dovevo avere elasticità a riguardo. Questo è di 20 anni prima. Sei chi eri 20 anni fa? No, quindi sei in divenire. Lo sta ancora diventando, per questo ho avuto un po 'di libertà. Tutte le sfaccettature di Mildred sono compartimenti indipendenti che non ha capito come unire per formare un essere umano. Ad ogni interazione con tutti i personaggi che le girano attorno, risulta essere una persona diversa perché ogni singola dinamica che ha è in qualche modo in divenire".

Infine ha concluso parlando di American Horror Story, che riprenderà i lavori a ottobre:
"Non vedo l'ora di tornare con la decima stagione e anche dietro la macchina da presa. È stato incredibilmente estenuante ed ero nervosa per tutto il tempo, ma anche carica, elettrizzata ed innamorata. Devo avere l'opportunità di farlo di nuovo. Sarà una buona opportunità. Voglio ancora farlo in un ambiente in cui mi sento al sicuro, dove la troupe è composta da tutte persone che conosco e dove ho Ryan. Ryan ha lasciato che quell'episodio, il sesto, durasse 79 minuti. È stato così gentile con me. Non ha tagliato nessuna delle mie cose e gli sono stata così grata".

Ratched è disponibile per lo streaming su Netflix. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a leggere la recensione dei primi episodi.

Fonte: Collider

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.