Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix

Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Lucifer è finalmente giunto a termine - questa volta per davvero - e il capitolo conclusivo, rilasciato su Netflix lo scorso 10 settembre, ha deluso molti Lucifans che si aspettavano il classico lieto fine. Stando però alle parole di Tom Ellis e Lauren German, il lieto fine c'è stato...in un certo senso.

Ma l'ultima stagione ha fatto parlare di sé ben prima che Chloe, una volta morta, andasse a trovare Lucifer all'Inferno: dopo una serie di cancellazioni, salvataggi e rinnovi, Netflix ha chiesto agli showrunner Joe Henderson e Ildy Modrovich di lavorare a una stagione aggiuntiva - letteralmente mentre stavano scrivendo il finale della stagione 5 che avrebbe portato la trama a una conclusione.

A tal proposito, Henderson e Modrovich hanno spiegato come l'ultima stagione si sia evoluta dai loro piani originali per terminare la serie, consentendo a questi 10 episodi di rappresentare una lettera d'amore sia allo show che ai suoi fan. Gli showrunner hanno inoltre approfondito molti degli elementi più importanti della stagione, come l'arrivo a sorpresa di Rory (Brianna Hildebrand), la figlia di Lucifer arrivata dal futuro, e come ha portato lo show a creare le proprie regole per il viaggio nel tempo.

Scopriamo anche come la pandemia abbia aiutato Henderson a realizzare il suo sogno di usare l'animazione in un episodio, e perché era importante per la stagione affrontare il movimento Black Lives Matter.

Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo

Premi sull'immagine per ingrandirla.

  • Qual era il finale originale?

"Essenzialmente è lo stesso, il modo in cui abbiamo concluso la stagione 6 era come avremmo concluso la stagione 5, ma solo il punto finale. Per esempio, Ella ha scoperto la verità, ma nella quinta stagione avrebbe fatto da babysitter a Charlie, a cui sarebbero spuntate le ali. E poi Linda e Amenadiel sarebbero tornati a casa, dicendo: 'Oh, credo che dovremmo darti delle spiegazioni'. Quindi era una mini versione di quello che ha passato nella sesta stagione - ed è stato lo stesso per tutti i nostri personaggi. Abbiamo davvero attraversato gli alti e bassi di tutto questo. Guardando indietro, se non l'avessimo fatto, mi sarebbe sembrata una stagione così catartica. Dovevamo davvero passare del tempo per dire addio a questi personaggi che amiamo. Maze ed Eve, nel nostro finale originale della quinta stagione, stavano per salire su una moto e partire verso il tramonto, ma doveva esserci un matrimonio. Anche noi dobbiamo fare un intero viaggio con loro. È così per tutti i nostri personaggi".

  • Quindi è lo stesso finale, che immagino coinvolga ancora la morte di Chloe.

"Sì, sì. Quello c'era già. Era l'idea che Chloe avesse una vocazione sulla Terra, Lucifer avesse una vocazione all'Inferno e capisse che dovevano stare separati per un po' prima di poter stare di nuovo insieme. Ma ancora una volta, con questo punto della sesta stagione, siamo in grado di scavare davvero nel perché. Perché Chloe ha bisogno di essere qui? Qual è la causa per cui deve combattere? E in realtà capisci che queste sono due persone che sono sempre partner, ma a volte un aspetto dell'essere partner è rispettare il fatto che l'altro ha qualcosa di importante da fare, e che devi sostenerlo in questo, anche se è difficile, perché forse è necessario".

  • Quando avete capito che lo spettacolo sarebbe dovuto finire con Lucifer che diventa un terapeuta?

"Di nuovo, anche questo era nel finale originale. Quando pensavamo che avremmo finito con la quinta stagione, sapevamo che non sarebbe mai stato il suo destino, lui non doveva essere Dio. Ciò che sembrava giusto era permettergli di restituire ciò che aveva imparato. Sa cosa vuol dire essere quello caduto. Sa cosa vuol dire odiarsi e non sentirsi degno, e quello era il suo super potere. Aiutare gli altri...Non tutto l'Inferno è degno di redenzione. Ci sono alcune persone, là dentro, che meritano di stare all'Inferno. Ma lì ci sono i Dan del mondo, che si mettono lì a causa di un senso di colpa autoimposto che forse non meritano. Quindi mi è sempre sembrato giusto che assumesse quel ruolo. Ci sono state molte volte in cui abbiamo parlato di Lucifer come terapeuta. L'attuale struttura e il concetto di cambiare l'Inferno sono avvenuti all'inizio della quinta stagione".

Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix
  • Parlando della sesta stagione, quando è entrata in gioco l'idea della figlia di Lucifer e Chloe?

"Quando ci hanno chiamato dicendo: 'Ehi, vogliamo una sesta stagione se avete una storia da raccontare'. Abbiamo detto: 'No, siamo a posto. Amiamo il nostro finale, amiamo tutto, siamo super felici, quindi no, grazie'. E ci hanno consigliato di pensarci. Ma siamo scrittori e, una volta che ti viene data l'opportunità di raccontare qualcosa in più, inizi a cercare. Quindi ci siamo seduti alla writer's room e abbiamo parlato molto. Ci siamo resi conto che abbiamo raccontato una storia di Lucifer che comprendeva la prospettiva di suo padre, capendo che suo padre stava effettivamente cercando di fare ciò che era giusto per lui. E poi è arrivata la domanda: 'E se avesse un figlio suo, Lucifer cosa avrebbe capito di suo padre?'. All'improvviso hai una storia completamente nuova, questa idea di 'Dici che Dio ti ha abbandonato, e se tu abbandonassi di nuovo tuo figlio?', che poi è diventata la domanda: 'Come sarebbe successo?'. Poi è stata una strada in discesa, perché questo è un mistero eccitante da risolvere per Lucifer, da risolvere per noi. E ci ha dato così tanta storia. Non siamo partiti con: 'Penso che racconteremo una storia di un viaggio nel tempo per la sesta stagione'. Quello era un mezzo per un fine. Sapevamo che volevamo che Lucifer fosse nei panni di suo padre, perché era il capitolo finale: come ci si sente a essere dall'altra parte di un'esperienza e a essere quello che causa il dolore? E quindi dovevamo solo far entrare un figlio adulto nel nostro spettacolo, in qualche modo".

  • Il viaggio nel tempo funziona! Voglio dire, c'era una parte di me che, mentre guardavo, a volte si chiedeva: "Si scoprirà improvvisamente che ha mentito per tutto il tempo? È un demone? È tutto uno scherzo?". E penso che parte di ciò sia dovuto al fatto che non c'è necessariamente un vero e proprio villain in questa stagione. È stata una scelta consapevole o qualcosa che si è semplicemente evoluto dalle conversazioni nella writer's room?

"Se guardi indietro alle varie stagioni, tutti i nostri villain sono gli eroi del loro viaggio, qualunque esso sia. E il nostro principale villain che abbiamo realizzato è Lucifer che lotta con qualcosa di interiore. È il suo peggior nemico. Si spera che questa sia stata la parte più interessante delle nostre passate stagioni. E quindi questa era solo un'estensione di quel concetto. Il fatto che Rory sia il villain, proprio come lo era Michael, ma si tratta più di una lotta di Lucifer, che pensava: 'Oddio, sono mio padre', quella era in realtà una cosa più interessante da combattere rispetto a un tizio con una pistola o qualcosa del genere. È interessante. Perché tecnicamente, Lucifer è in una certa misura il villain del viaggio di Rory, Lucifer lo realizza, ma non ci crede. Ma sta anche realizzando sempre più che è la verità, mentre riflette su questo pensiero, il mistero del perché abbandona sua figlia. L'atto che Lucifer fa in qualche modo in futuro è il vero villain nella stagione 6. Ed era anche importante per noi che fosse così, a causa di Rory - non per colpa di Rory, per scelta di Rory. È stato molto importante per noi chiudere il cerchio".

  • Ci sono mai state discussioni sul fatto che la vostra versione del viaggio nel tempo può cambiare il futuro?

"Sì, abbiamo valutato ogni tipo di viaggio nel tempo. E alla fine siamo davvero arrivati all'idea che un paradosso a circuito chiuso è pulito, è semplice, non ti distrae con un mucchio di regole, ma parla anche di come, per quanto sia un mondo pazzo con regole che possono piegarsi e rompersi, ci stiamo aggrappando ad esse. E inoltre, forse, è una buona cosa, perché indovina un po'? Rory ha avuto una mamma fantastica. È cresciuta fino a diventare una brava bambina, e volevamo davvero essere in grado di illustrarlo e parlare dell'idea che lei non vuole essere diversa. C'è quella battuta in cui lei dice: 'Non cambiarmi'. Ama chi è. È una persona fantastica. Penso che tutto abbia un senso, dato che non arriva al punto di voler tornare indietro e confrontarsi con Lucifer fino a quando non arriva alla situazione del letto di morte. Abbiamo parlato così tanto di destino e libero arbitrio. Possiamo semplicemente scegliere di rompere questo ciclo? Cosa succederebbe? E il tema più importante era quello: nonostante tutte le cose che attraversiamo nelle nostre vite, devi guardarle e dire: 'Mi hanno reso ciò che sono oggi'. E se arrivi al punto in cui ami te stesso, cosa che fanno Rory e Lucifer, non puoi pensare: 'Vorrei che non fossero successe'. Non puoi tornare indietro e dire: 'No, non lo voglio'. Ora abbracci il male, la sofferenza. Questo è tutto il nostro spettacolo, il lato oscuro e il lato sereno. È tutto lì per un motivo. E c'è un equilibrio. Quindi questa è diventata la cosa più importante che volevamo dire".

Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix
  • A che punto un episodio animato è diventato qualcosa che volevate fare?

"È qualcosa che abbiamo sempre voluto fare. Semplicemente non pensavamo che lo avremmo fatto davvero. Ma c'è la pandemia, e stavamo cercando modi per avere meno giorni possibili sul set. E così il problema è diventato l'opportunità, perché segretamente desideravamo farlo da anni. E poi siamo stati super fortunati perché le persone che lavorano ad Harley Quinn, Jennifer Coyle e il suo team, erano disponibili. Quindi abbiamo avuto questa enorme opportunità. Abbiamo pensato: 'Come possiamo avere meno giorni di riprese? Beh, ecco un'opzione. Ma non possiamo semplicemente fare un episodio animato. Cosa aggiunge allo spettacolo?'.

  • Stavo cercando di identificare cosa mi ricordasse lo stile di animazione, e quindi ovviamente era Harley Quinn. Quando avete avuto quell'opportunità, volevate solo imitare lo stesso approccio animato?

"Beh, è stato interessante perché quando abbiamo parlato con loro all'inizio, stavamo pensando di realizzarlo in stile Hanna-Barbera, e poi hanno effettivamente lavorato anche con un sacco di influenza dei Looney Tunes, che si vede molto. Abbiamo dato loro il nostro input e lo hanno reso reale. Sono incredibili. Avevamo il punto di partenza, ma loro lo hanno portato in vita. E lo stile si adattava alla storia di questo ragazzo che è cresciuto guardando i cartoni animati per legarlo a una sorta di stabilità".

Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix
  • La stagione approfondisce anche la questione della riforma della polizia: so che inizialmente c'erano alcuni dubbi sull'ingresso di Amenadiel in polizia. Perché per voi era importante adottare quell'approccio narrativo?

"Quando ci siamo riuniti nella writer's room all'inizio della sesta stagione abbiamo parlato molto del fatto che siamo uno show poliziesco. Lo ignoreremo e basta? Con tutto quello che sta succedendo intorno a noi? Ma sapevamo che nessuno di noi voleva ignorarlo. Volevamo parlarne e affrontarlo, ma a modo nostro, nel contesto del nostro spettacolo, attraverso un personaggio e attraverso l'emozione di un personaggio. Avevamo già una storia che avevamo iniziato nella quarta stagione, con Amenadiel e Caleb, e abbiamo semplicemente esteso quella storia, cosa significa il Black Lives Matter, e tutto si è in qualche modo unito al fatto che volevamo mostrarlo da un punto di vista emotivo, e non facendo la predica alle persone, ma solo per dire: 'Ecco come si sente il personaggio nell'episodio 6, che viene accusato di un omicidio che non ha commesso'.".

  • Se ci fosse stata una stagione più lunga o addirittura una settima stagione, avreste approfondito il tema Black Lives Matter?

"Penso che ci saremmo sentiti responsabili e avremmo voluto farlo. In molti programmi polizieschi viene mostrato come a volte puoi superare i confini, ma è per un bene più grande. E questa è una narrazione che può essere molto problematica, come si è visto specialmente negli ultimi due anni. E quindi penso che sia qualcosa che non saremmo stati in grado di evitare. Inoltre, non tutti i poliziotti sono cattivi. Lo sappiamo, e Chloe ne è un esempio, suo padre ne era un esempio. E quindi era importante guardarlo dal suo punto di vista, riconoscere davvero che c'è un problema di base e dire 'eccolo'. Indicalo, parlane e non fingere che non ci sia".

Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix
  • Sono molto curioso dell'episodio 8, perché in una certa misura rompe la quarta parete. 

"C'è un episodio di Avatar: The Last Airbender dove tutti i personaggi vanno a uno spettacolo in cui vengono rappresentate le loro avventure. E ci sono tutte queste battute su come le altre persone le vedono, le percepiscono. Noi e Jen Imada eravamo ossessionati da questo concetto. Poi con Aiyana White e tutti gli altri abbiamo iniziato a trasformarlo in quella che è la nostra versione. Come facciamo ad avere una lettera d'amore per lo spettacolo? Come giochiamo a infrangere un po' le regole, ma anche a mantenerle? E la risposta è stata il libro di Linda. Quindi abbiamo pensato: 'Ok, se il libro è il nostro mezzo, giochiamo con la prospettiva, giochiamo con il modo in cui tutti hanno visto accadere i diversi momenti, cerchiamo di trovare un modo per esplorarli. Ecco come Lucifer vede il mondo. Ecco come Dan e Maze vedono la stessa identica scena, ma da prospettive diverse. E pensiamo: 'Qual è la nostra versione di questo spettacolo? E di questa sorta di retrospettiva?'. È stato molto divertente perché è l'episodio della nostra lettera d'amore".

  • Avete avuto problemi di budget? Sembra un episodio che non è stato molto costoso da produrre.

"Può sembrare un episodio bottiglia, ma non è stato fatto per questo. È divertente, perché D.B. ha diretto quell'episodio. Quello era 100% D.B Woodside. Era tutto come la sua visione. Ha anche girato scene che abbiamo visto un milione di volte in un modo a cui non avrei mai pensato".

  • Parliamo di Ella, che ha capito cosa stava succedendo. Il finale originale l'avrebbe coinvolta nel capirlo solo dopo aver fatto da babysitter a Charlie. C'è stata una reazione dei fan quando si è trattato di mettere insieme gli indizi da sola durante la sesta stagione?

"Stavamo solo pensando a come avremmo potuto renderlo diverso. E uno dei modi per renderlo diverso è fare in modo che ci arrivi da sola prima che le venga svelata la verità. Del resto è una forense, è brava a mettere insieme le cose. Amiamo l'idea che Ella sia una persona di fede, che non è particolarmente spaventata dal fatto che ci siano Dei e angeli. Non è spaventata, è solo un po' emozionata. Ma quello che ci è stato permesso di fare nella sesta stagione a causa del tempo extra è stato espandere quell'idea del: 'Perché non me l'hanno detto? Perché me l'hanno tenuto nascosto? Perché hanno scelto di lasciarmi fuori da tutto questo? E perché non mi parlano della fine del mondo?'. L'ironia è che semplicemente non lo sanno. Ella vuole essere parte di tutto, ed è molto triste che non gliel'abbiano detto".

Lucifer 6: il Confronto col Finale Originale. Le parole degli Showrunner della Serie TV Netflix
  • La fine del mondo è un elemento interessante della stagione, anche perché sembra che le notizie dei giornali emettano vibes apocalittiche. Cosa ha ispirato l'idea di avvicinarsi alla fine del mondo e poi tornare indietro?

"Stavamo giocando con questa idea del mondo che sta finendo. Ma poi pensiamo: 'Capiremo cosa significa più tardi, perché il bello è che è questo il mistero'. Allora abbiamo realizzato: 'Va bene, e se ci fosse stata la fine del mondo? E se questo stesse davvero accadendo? Come lo spieghiamo? Come lo rendiamo il nostro spettacolo? Perché la verità è che non mettiamo in scena 'la fine del mondo'. Quello che mostriamo sono persone che prendono decisioni, persone che fanno scelte. E poi quando abbiamo trovato l'idea di: 'E se gli angeli stessero cercando di fare del bene e invece di creare la situazione che potrebbe essere la fine del mondo attraverso i loro tentativi, hanno imparato la lezione sbagliata o hanno imparato la lezione giusta, ma l'hanno imparata nel modo sbagliato?'. Questi sono i tipi di cose che sono divertenti da esplorare e che hanno a che fare con il nostro show".

  • Per concludere...Usare la parola 'rammarico' sembra sbagliato, ma c'è qualcosa che avreste voluto fare, come una maglietta per Ella o una canzone che avreste potuto includere, o altro?

"Avremmo voluto avere Dave Matthews nella seconda stagione, per la canzone che Lucifer canta sul palco per Chloe. Questa è stata una delle prime richieste che abbiamo fatto e che ci hanno rifiutato perché abbiamo inesorabilmente preso in giro la Dave Matthews Band nello stesso episodio, lezione che abbiamo imparato. Ma noi amiamo la Dave Matthews Band. Sarebbe stato meraviglioso far cantare anche Lauren. Ed è stata una cosa di cui abbiamo parlato spesso durante le varie stagioni, specialmente per l'episodio musical. Ma non ne abbiamo mai parlato davvero perché non abbiamo mai voluto farle pressione, la verità però è che ha una voce bellissima. Non tutti sono a loro agio a cantare in pubblico e lo capisco perfettamente. Ma questo è qualcosa che vorrei, che il mondo potesse sentirla cantare".

Le sei stagioni di Lucifer sono disponibili su Netflix.

Fonte: Collider

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.