Game of Thrones: una Scena del Pilot non piacque a George R. R. Martin

Game of Thrones: una Scena del Pilot non piacque a George R. R. Martin

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Nel corso delle sue otto stagioni Il Trono di Spade, popolare serie HBO, ha attirato molte critiche sul modo in cui venivano trattati i personaggi femminili dello show, in particolare in termini di violenza e aggressione sessuale.

Tra i momenti più criticati c'è la scena della prima notte di nozze di Daenerys Targaryen (Emilia Clarke) e Khal Drogo (Jason Momoa) nell'episodio pilota. La rappresentazione dell'episodio è stata diversa dal libro e George RR Martin, il creatore della saga, nel libro appena pubblicato Fire Cannot Kill a Dragon, ha rivelato di non aver mai discusso della scena con gli showrunner e di non averne apprezzato l'adattamento.

"Perché quella del matrimonio è stata cambiata da scena con un rapporto consensuale a scena con un brutale stupro di Emilia Clarke? Non ne abbiamo mai discusso. Ha peggiorato le cose, di certo non migliorate", ha dichiarato l'autore stesso.

Nel romanzo de Il Trono di Spade, la prima notte di nozze tra Daenerys e suo marito Drogo è una scena ricca di sfumature in cui lui accudisce la moglie e cerca di guadagnare la sua fiducia prima di sfiorarla, mentre nella puntata della serie Drogo spoglia Dany e la violenta.

Tuttavia gli showrunner David Benioff e DB Weiss difendono la scena, sostenendo come quella più umana raccontata nel libro non si adattasse agli scopi della serie.

Dunque ci troviamo davanti ad un'altra critica mossa dallo stesso Martin, che aveva già avuto da ridire riguardo un'importante scena vista nella prima stagione.

Fonte: Comic Book

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.