Game of Thrones: Chi dimenticò sul Set la Tazza di Starbucks? Emilia Clarke svela i suoi Sospettati

Game of Thrones: Chi dimenticò sul Set la Tazza di Starbucks? Emilia Clarke svela i suoi Sospettati

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Il mistero della tazza di Starbucks comparsa sul set di Game of Thrones è qualcosa che difficilmente verrà dimenticato e, quasi due anni dopo, la star dello show HBO Emilia Clarke rivela finalmente il nome del colpevole. Di recente, all'attrice è stato chiesto quale fosse la sua bevanda preferita, e ha quindi colto la palla al balzo: scherzosamente ha affermato che il suo drink preferito non porta il logo di Starbucks, riportando alla luce il comico evento.

"Non è di Starbucks. Lo ripeto, per la cronaca: non era mio. Ti sto guardando Dan Weiss", ha affermato la Regina dei Draghi.

Weiss è stato un produttore esecutivo di Game of Thrones insieme a David Benioff, ma non si è mai ufficialmente preso la colpa del bicchiere sul set, con Benioff che ha rivelato che pensavano fosse tutto uno scherzo:
"Non potevo crederci. Quando abbiamo ricevuto l'e-mail il giorno dopo, ho pensato onestamente che qualcuno ci stesse facendo uno scherzo, anche perché in precedenza qualcuno diceva: 'Oh, guarda quell'aereo sullo sfondo!', e qualcuno l'aveva in realtà photoshoppato. Ho pensato: 'Non è possibile che ci sia una tazza di caffè'. Poi quando l'ho visto in TV ho pensato: 'Come ho fatto a non vederlo?'”.

Per quanto riguarda Clarke, mentre ora punta il dito contro Weiss, in precedenza aveva incolpato l'interprete di Varys Conleth Hill:
"Ecco la verità. Di recente abbiamo fatto una festa prima degli Emmy, e Conleth Hill, che interpreta Varys, si è seduto accanto a me, mi ha presa da parte e ha detto: 'Emilia, devo dirti una cosa. La tazza di caffè era mia!'. Era sua! Era la tazza di Conleth. L'ha detto lui".

Fonte: Comic Book

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.