Nove Curiosità che (forse) Non Sapevi su Lucifer, la Serie TV Netflix con Tom Ellis

Nove Curiosità che (forse) Non Sapevi su Lucifer, la Serie TV Netflix con Tom Ellis

Scritto da:  - 

Nell'epoca d'oro della televisione di oggi, non mancano attori incredibili. Mentre scrittori, registi e produttori sono cruciali, la popolarità di un programma dipende spesso dal carisma degli attori principali. Fortunatamente per noi spettatori, ci sono una vasta gamma di show emozionanti e commoventi disponibili e uno di questi spettacoli è Lucifer.

L'imponente statura e il suo bell'aspetto oscuro rendono Tom Ellis a dir poco perfetto per questo personaggio manipolatore e carismatico. 

Siete sicuri di conoscere al 100% la serie Netflix

1. La famiglia religiosa

Tom Ellis vestirà anche i panni del Re degli Inferi ma, nella vita reale, è cresciuto in una famiglia molto religiosa: il padre, il cognato e lo zio sono Pastori, la sorella è una suora. Quando è stato confermato che l'attore britannico avrebbe preso parte a Lucifer come protagonista, tutte le persone a lui vicine erano a dir poco entusiaste. 

Ellis ha, a tal proposito, dichiarato che vede il personaggio di Lucifero come una "satirica storia di redenzione" piuttosto che "un grande dibattito teologico".

2. Proteste...

In un momento ancora ben lontano dal debutto, Lucifer è stato oggetto di numerose proteste da parte di diverse organizzazioni religiose che, tramite una petizione, si sarebbero battute per chiedere a Fox di cancellare totalmente lo show. 

La petizione, che ha superato le 38.000 firme, sosteneva che Lucifer era uno spettacolo che voleva glorificare la figura di Satana e che se Fox fosse andato avanti con i lavori alla serie ciò avrebbe rappresentato una mancanza di rispetto alla Cristianità prendendosi gioco della Bibbia.

Ma questa non è la prima volta che il mondo di Lucifer causa discussioni e malcontenti: nel 1991, infatti, anche l'omonima graphic novel di Neil Gaiman ha scatenato l'ira e l'indignazione dell'American Family Association.

3. ...Ma non solo!

La serie non ha ispirato solo proteste anti-Lucifer, ha ispirato anche...graffiti pro-Lucifer! Esatto, graffiti. Perfettamente in linea col "diavolesco" spirito della serie, a Los Angeles qualcuno ha tappezzato i cartelloni della pubblicità (che sponsorizzavano altri show televisivi) con le parole "watch Lucifer"

Un esempio? Il cartellone dedicato alla serie NBC Shades of Blue è stato decorato con delle corna disegnate appositamente sulla testa di Jennifer Lopez!

Vi state chiedendo cosa ne pensa Tom Ellis? L'attore non ha idea di chi sia stato e pensa che sia una cosa ingiustificabile...ma estremamente divertente.

Nove Curiosità che (forse) Non Sapevi sulla Serie Netflix Lucifer

Premi sulla foto per ingrandire.

4. L'ispirazione di Gaiman

Quando Neil Gaiman creò il personaggio di Lucifer per la graphic novel, si ispirò a David Bowie. Ad ogni modo, dopo aver finito di leggere lo script della serie, Tom Ellis vedeva il protagonista come un personaggio di Oscar Wilde o di Noel Coward con uno spirito un po' rock 'n roll.

Per questo l'attore si è approcciato allo show come se Lucifer fosse il figlio di Noel Coward e Mick Jagger, con nel DNA un pizzico anche dell'attore britannico Terry Thomas.

Lo show ha voluto fare l'occhiolino alla graphic novel e a David Bowie in particolare, rendendo la sua musica parte della puntata pilota.

5. L'accento...Quel dannato accento...

Per quanto riguarda la scelta dell'accento, Tom Ellis ha raccontato che aveva provato a leggere le battute usando l'accento americano, ma in questo modo il personaggio risultava "particolarmente stronzo". 

Parlando normalmente usando il suo meraviglioso accento inglese, invece, si è reso conto che Lucifer poteva dire le cattiverie peggiori del mondo risultando ancora più affascinante!

6. La musica - Playlist

Chi ha visto Lucifer sa bene quanto la musica sia una parte importante dello show. Tom Ellis ha deciso di creare una playlist di brani legati al suo personaggio, in modo da poterla ascoltare prima delle riprese riuscendo a entrare al meglio nella parte.

Nella sua playlist possiamo trovare un bel mix di tracce, tra cui Fame e Rebel Rebel di David Bowie, Purple Haze di Jimi Hendrix e Ring of Fire di Johnny Cash.

Anche lo showrunner di Lucifer Joe Handerson usufruisce della playlist dell'attore...mentre lavora agli script! Infatti, Devil's Haircut di Beck faceva parte della lista prima che venisse inserita nel pilota della serie.

7. La musica - Una famiglia di artisti

La famiglia di Ellis, oltre a essere estremamente religiosa come detto prima, è molto legata al mondo della musica: la madre era un'insegnante di musica, il padre ha creato opere amatoriali e i figli sono cresciuti suonando strumenti. 

Per l'appunto, da giovane il nostro Tom suonava la tromba e il corno francese in un'orchestra e ha, inoltre, imparato a suonare la chitarra.

8. La cotta di Tom Ellis

Quando Tricia Helfer è entrata a far parte del cast della seconda stagione nei panni della madre di Lucifer, Ellis era al settimo cielo non solo perché è un grande fan di Battlestar Galactica, ma anche perché l'attore ha sempre avuto una cotta per la Helfer, interprete di Numero Sei nella serie sci-fi.

Nonostante Tricia Helfer vesta i panni della madre di Lucifer, nella vita reale l'attrice è più grande di Ellis di soli 4 anni ed è più giovane di 5 anni di D.B. Woodside, interprete di Amenadiel, l'altro suo figlio.

A tal proposito, Ellis ha scherzato su quanto sia strano e edipico il fatto che sia lui, sia D.B. Woodside, la considerino una sorta di "mamma di Stifler" di American Pie.

Nove Curiosità che (forse) Non Sapevi sulla Serie Netflix Lucifer

9. Il drone

Mentre erano impegnati a Long Beach nelle riprese della settima puntata della prima stagione "Le Ali", i lavori sono stati ripetutamente interrotti a causa di un drone che non smetteva di volare tra i membri del cast e della crew.

A quel punto la sicurezza ha rintracciato il proprietario del drone chiedendogli di fermarsi, ma il ragazzo si è rifiutato.

Dato ciò, è stato lo stesso D.B. Woodside a voler affrontare il proprietario del drone, presentandosi alla porta dello stesso. Solo più tardi l'attore si è reso conto che aveva ancora indosso il costume di Amenadiel!

La quinta stagione di Lucifer è prevista per quest'anno. A tal proposito vi riproponiamo la nostra guida con tutte le informazioni note sugli episodi inediti.

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.