The Sandman: Neil Gaiman spiega perché non sarà Tom Ellis a vestire i panni di Lucifer

The Sandman: Neil Gaiman spiega perché non sarà Tom Ellis a vestire i panni di Lucifer

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Negli ultimi tempi Netflix ha iniziato a rivelare parte del cast e alcune informazioni sulla sua prossima serie televisiva basata su The Sandman, l'amata serie DC Comics scritta da Neil Gaiman. Tuttavia, questo non è il primo show di Netflix costruito su questo personaggio: anche Lucifer, con Tom Ellis, si ispira infatti alla versione di Lucifero che Gaiman e gli artisti Sam Kieth e Mike Dringenberg hanno creato per Sandman. Sapendo questo, e sapendo che è proprio Netflix la casa di The Sandman e Lucifer, alcuni fan si chiedono perché sarà Gwendoline Christie a interpretare Lucifero invece di vedere Ellis riprendere il suo ruolo di Morningstar. Gaiman ha quindi spiegato il motivo:
"La teologia e la cosmogonia di Lucifero sono molto lontane da quelle di Sandman. È 'ispirato da' Sandman, ma non puoi facilmente riadattare la versione di Lucifer per poi tornare a Sandman, se capisci cosa intendo. Sembrava più facile e divertente avere un'altra versione di Lucifero, beh, molto più vicina alla versione di Sandman".

Tempo fa Gaiman ha spiegato che si sta approcciando alla serie come se stesse scrivendo Sandman per la prima volta nel 21° secolo. Ciò significa aggiornamenti alla timeline, modifiche alle trame e - come ha accennato all'epoca - alcuni scambi di genere per personaggi come Lucifero:
"Lavorando alla serie TV Netflix, pensiamo molto: 'Ok, è il 2020, diciamo che abbiamo iniziato a lavorare a Sandman nel 2020, cosa faremmo? Come cambieremmo le cose? Di che sesso sarebbe questo personaggio? Chi sarebbe questa persona? Cosa succederebbe?".

"Per Netflix, in questo momento, le persone hanno provato a fare alcuni film e adattamenti per 30 anni, hanno provato attivamente a farli per 25 anni, ma non hanno mai funzionato", ha continuato Gaiman, riferendosi al lungo viaggio di The Sandman verso il live-action. "E non hanno mai funzionato a causa di tutti gli effetti speciali e di ciò che sarebbe necessario per creare gli effetti speciali. Non hanno mai funzionato perché stavi realizzando qualcosa di adulto. La gente scriveva le sceneggiature dei film di Sandman e diceva: 'Ma è un R-rated, e non possiamo avere film da 100 milioni di dollari R-rated'. Quindi avevi bisogno di arrivare a un mondo in cui la narrazione è un vantaggio piuttosto che uno svantaggio. E il fatto che abbiamo settantacinque numeri di Sandman è davvero una buona cosa. Non è un inconveniente, anzi. Come il fatto che siamo in un mondo in cui possiamo prendere cose che una volta esistevano solo nell'arte dei fumetti e che ora possono esistere anche nella realtà".

Fonte: Comic Book

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.