The Flight Attendant 2 ci sarà? Steve Yockey risponde, e commenta il Finale di Stagione

The Flight Attendant 2 ci sarà? Steve Yockey risponde, e commenta il Finale di Stagione

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Se HBO Max sta cercando di attirare nuovi abbonati al servizio di streaming, con The Flight Attendant sta facendo un ottimo lavoro.

Dopo aver registrato ben 279 episodi per The Big Bang Theory, Kaley Cuoco brilla come il sole in questa serie TV comica di spionaggio in pieno stile James Bond, mostrando come possa interpretare così tante sfumature nei panni di Cassie Bowen che, dopo essersi innamorata di un misterioso bel ragazzo che viaggiava in prima classe, Alex Sokolov (Michael Huisman), si sveglia accanto al suo cadavere in un lussuoso hotel di Bangkok. E da lì inizia tutto, quando Cassie diventa oggetto di interesse dell'FBI, mentre spinge se stessa e le persone intorno a lei - in particolare il suo impassibile avvocato Annie (Zosia Mamet) - in una rete di intrighi e traffichi di armi e famiglie corrotte. Non solo Cuoco colpisce ancora con il suo tempismo comico, ma fa un egregio lavoro nel mostrare il dolore di una giovane donna con un passato tormentato, che sta combattendo allucinazioni e vuoti di memoria, giudizio e ragione.

Alla fine apprendiamo che uno dei nuovi fidanzati di Cassie, Buckley (il cui vero nome è Felix), era in realtà il ragazzo che ha tagliato la gola ad Alex a Bangkok, e stava cercando i suoi soldi. Alex ha annotato le coordinate sul suo conto bancario nella sua copia di Delitto e Castigo che Cassie ha portato con sé dalla scena del delitto. Il libro ricade nelle mani di Felix, e Cassie e la sua nuova amica Miranda, escogitano un piano per affrontarlo a Roma. Nel frattempo, Miranda fa fuori il suo capo del crimine e la mente principale dietro tutto questo, Victor (Ritchie Coster). Una delle sottotrame riguarda l'assistente di volo collega di Cassie, Megan (Rosie Perez), che si sente in colpa per i guai che ha causato a suo marito Bill dopo aver rubato informazioni dal suo computer e decide di fuggire. Alla fine, Felix dà la caccia a Cassie nella sua stanza d'albergo, sparando al suo amico italiano, Enrico, e sembra che Felix abbia già ucciso Miranda, che giace nella vasca.

Il produttore di The Flight Attendant Steve Yockey ha recentemente rilasciato un'intervista in cui ha parlato del gran finale di stagione e sull'ipotesi di lavorare a un seguito della serie TV HBO.

  • Per quanto riguarda il finale rilasciato oggi, quanto rispecchia il finale del libro di Chris Bohjalian? Oppure è qualcosa di totalmente diverso?

"Ho avuto modo di incontrare Chris e parlare con lui, e so che è contento dell'adattamento, ma non è stato direttamente coinvolto. Abbiamo preso una direzione diversa con il finale, ci sono cambiamenti significativi. Penso che ci sia un killer diverso nel libro, la cui fine vede Cassie incinta. Non voglio rovinare il libro a tutti, ma ci sono cambiamenti significativi che abbiamo apportato, in modo che sia un po' anche la nostra storia. La nostra versione di Cassie è un po' diversa, quindi si spera che anche i lettori del libro di Chris possano essere sorpresi dal finale".

  • Questa doveva essere una serie limitata. Ma ci sarà sicuramente una seconda stagione?

"Ancora niente di ufficiale. Sicuramente ci piacerebbe. Ho avuto alcune conversazioni interne con alcuni dei produttori e Kaley, su quanto sarebbe divertente e cosa pensiamo di raccontare con lo spettacolo. Ma il nostro tipo di priorità iniziale era quello di voler fare questa serie limitata di otto episodi che sembra davvero avere un inizio, una metà e una fine, ed è drammaticamente soddisfacente. Cassie intraprende questo viaggio, impara qualcosa di forte su se stessa che la aiuta a risolvere un mistero, e alla fine di questo finale vogliamo che le persone pensino: 'Ho intrapreso questo viaggio e sono felice', quindi se dovesse avere un seguito, sarà una cosa eccitante, non un semplice 'è meglio che rispondano a questi cliffhanger'.".

  • Ci hai lasciato con dei grandi cliffhanger, cioè Cassie è stata avvistata dalla CIA, Megan è in fuga. Puoi dirci di più?

"Il nostro obiettivo è sempre stato quello di scrivere un personaggio alla Hitchcock, che normalmente sarebbe interpretato da un uomo, e che invece è una donna, volevamo vedere come sarebbe andata a finire. Ci siamo ritrovati con molti personaggi femminili forti al centro dello spettacolo, ma voglio dire, onestamente penso che abbiamo messo il carro davanti ai buoi. Non abbiamo ancora approfondito ciò che potrebbe essere una stagione 2 sul serio, ma certamente abbiamo delle idee".

  • Alex Sokolov continuerà a perseguitare Cassie?

"Sento che il viaggio che Cassie compie attraverso questi otto episodi è quello in cui arriva a capire che stava capendo chi era davvero Alex, ma la persona di cui si stava innamorando non era Alex. Era lei stessa. Quindi, quando attraversa la suite dell'hotel negli ultimi istanti dello spettacolo è come se chiudesse quella porta, e sparisse tutto mentre entrava in ogni nuova stanza, penso che sia lei a porre fine al capitolo della sua vita legato ad Alex Sokolov".

  • Vediamo lati davvero molto diversi di Kaley Cuoco in The Flight Attendant, come per esempio un'alcolizzata alle prese con la perdita di memoria e varie allucinazioni. Ha fatto suo il ruolo, e la telecamera lo cattura in ogni sfumatura del suo viso. Ha fatto un lavoro fenomenale.

"Lo ha fatto davvero, e onestamente la cosa fantastica è che è lei che ha trovato il libro. È lei che ha detto che questo progetto era per me. Quindi, quando sono andato da lei e le ho detto che la mia opinione era un po' fuori dagli schemi, lei ha accettato subito. Voglio dire, si fida del suo istinto. Prende decisioni forti. È super decisa, e questo penso sia ciò che la avvantaggia come persona, come produttrice, ma sicuramente come attrice. Del resto è in TV da quando aveva 4 anni".

  • Per favore, continua a raccontare le origini del progetto.

"L'origine è stata Kaley - mi riferisco sempre a lei come il capo, alla fine - ho incontrato il vicepresidente della sua azienda, Suzanne McCormack, che è stata fantastica, e hanno firmato la mia proposta. Poi ho parlato con lo studio, ho parlato con la rete, e poi ho avuto modo di incontrare Kaley, ed è stato fantastico perché tre minuti dopo ho pensato: 'Oh, posso scrivere per questa persona'. Riempie la stanza con la sua energia. È incredibilmente intelligente. Capisce così bene la commedia. Il suo umorismo a volte è lacerante, il che è qualcosa che amo, anche quando ne sono vittima. Ho pensato: 'Ok, ora che ho passato un po' di tempo con te, capisco esattamente fino a che punto posso spingermi'. Ad esempio, so quanto posso prendere decisioni discutibili, cose alle quali gli spettatori urlano davanti allo schermo: 'No, non farlo' perché sarà in grado di trasmetterlo, e infatti lo ha fatto".

  • C'è un momento negli ultimi due episodi in cui pensiamo che la situazione di Megan si collegherà all'indagine di Cassie sui Sokolov. Ma non succede. È mai stata un'opzione?

"Penso che ci fossero persone coinvolte nello show che volevano che fosse un'opzione, e abbiamo effettivamente compreso che, dal punto di vista creativo, era ciò che lo spettatore si sarebbe aspettato, ed è stato davvero divertente per noi invece rendere quelle trame un qualcosa di parallelo. Cassie e Megan hanno finito per riunirsi emozionalmente a Roma, raccontandosi tutto ciò che avevano passato e realizzando che sono entrambe in una situazione difficile. Quindi puoi vedere il modo in cui quelle due persone si uniscono, e come prendono direzioni diverse. La scena in cui Cassie ascolta Megan, le fa davvero capire: 'Oh, devo smetterla di aspettare che qualcun altro si faccia vivo e se ne occupi, sarò io a occuparmene' ed è allora che va da Enrico a prendere la pistola. E poi quando Megan lascia quella scena, la senti prendere la sua decisione di fare le valigie e andare via".

HBO Max ti ha informato di come sta andando lo spettacolo? Perché sembra che sia lo spettacolo di punta del servizio di streaming.

"HBO Max ci tiene informati, e sembra che siano molto, molto felici, e penso che anche lo studio sia felice. Quindi siamo entusiasti delle risposte che lo spettacolo sta ricevendo perché è uno spettacolo strano. Voglio dire, è solo uno spettacolo strano, ma le persone sembrano davvero apprezzarlo".

  • Per quanto riguarda le risoluzioni del finale, era questa l'idea iniziale o c'erano altre opzioni? C'è stato un finale in cui Miranda era malvagia e non un'alleata?

"Ci sono diversi narratori nel libro, e passiamo molto tempo con Miranda. Nello spettacolo, trascorriamo il 90% del nostro tempo dal punto di vista di Cassie, e il piano era che il personaggio di Miranda venisse svelato nel corso della stagione, piuttosto che essere uno di quei personaggi chiave di cui veniva mostrato il punto di vista. È diventato necessario semplificare sostanzialmente la sua storia passata. Quindi, invece di fare di Miranda un tipo super complesso, una sorta di doppio agente, tutta questa roba complicata che c'è nel libro, fondamentalmente abbiamo capito che è cattiva, ma la amiamo. Poi Michelle Gomez è nata per interpretare un ruolo che viene descritto come 'un cattivo', ma noi la amiamo. Sembra semplice, ma è diventata la vera nemesi di Cassie. Cassie è intrinsecamente una brava persona, ma sta lottando perché continua a rovinare le cose. Quindi, poiché non affronterà le verità nella sua vita, c'è Miranda che è intrinsecamente una persona cattiva, ma totalmente a suo agio con chi è e non si fa alcun problema, come invece fa Cassie. Quindi metti questi due personaggi uno accanto all'altro e fanno davvero grandi follie l'uno per l'altro".

  • Non sapevamo se Cassie stesse sospettando di Miranda o no. Poi vediamo Miranda morta nella vasca da bagno.

"È il tipo di trucco della scena dell'ambulanza alla fine, quasi alla fine dell'ottavo episodio, quando Shane dice che non c'era nessun altro nella stanza. E quindi pensi: 'Oh mio Dio, Miranda è esiste o no?' oppure: 'Certo, Miranda è scappata! Perché è quello che fa Miranda!'. E poi abbiamo la grande ricompensa, nel libro, nella scena della tavola calda, che penso confermi molto chiaramente che Miranda è ancora là fuori. Riguardo alla scena della vasca da bagno, Miranda stava fingendo di essere morta, ma sono sicuro che Michelle Gomez probabilmente ha una risposta diversa".

So che la produzione è stata interrotta a causa della pandemia e ripresa sei mesi dopo, con gran parte della trama che non ha subito cambiamenti. Tuttavia, guardando indietro, ci sono scene che hai girato e che ora, a causa di COVID, non potresti mai rifare?

"Penso che alcune delle grandi scene che avvengono nel pilot in particolare, come quando corre per l'aeroporto di Bangkok, cose del genere sarebbero molto difficili da fare ora. Quella scena in cui Cassie incontra Buckley nel bar seminterrato affollato, non è qualcosa che potremmo fare di nuovo adesso. Quando ballano insieme, non è qualcosa che potremmo girare oggi. E la scena del club nel primo episodio e nel secondo. Sono molti i filmati che sarebbero difficili da realizzare in questo momento".

Fonte: Deadline

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.