The Falcon and The Winter Soldier: i Sentimenti Contrastanti di Ed Brubaker

The Falcon and The Winter Soldier: i Sentimenti Contrastanti di Ed Brubaker

Scritto da:  - 

The Falcon and The Winter Soldier è ufficialmente uscito su Disney+ e il co-creatore di Winter Soldier Ed Brubaker ha sentimenti contrastanti sulla serie

Lo spettacolo segue gli eroi omonimi interpretati da Anthony Mackie e Sebastian Stan e ha già ricevuto molti elogi (anche il nostro!). Il duo viaggia in tutto il mondo combattendo gli anarchici Flag-Smashers e collabora per cercare di "sostituire" Capitan America, ormai in pensione.

La serie è solo uno dei numerosi spettacoli Marvel che portano l'MCU nel mondo della televisione. Con molti miliardi di dollari di entrate, l'MCU è uno dei franchise mediatici con il maggior incasso di tutti i tempi. I personaggi dei fumetti si trovano all'apice della cultura pop e appaiono in film, serie TV, videogiochi e oggetti da collezione di ogni forma e dimensione.

Con il Winter Soldier che ottiene molta più presenza sullo schermo in The Falcon and The Winter Soldier, Brubaker si chiede perché lui e Steve Epting non vengono compensati per il loro lavoro sul personaggio. Nel suo blog, lo scrittore di fumetti vincitore di sette premi Eisner ha rivelato che non guarderà la serie a breve: sebbene sia felicissimo della popolarità del personaggio e abbia solo cose positive da dire sullo staff dietro la telecamera, Brubaker ha parlato della sua disgustosa sensazione di vedere la sua creazione fare i milioni:
"E, naturalmente, lo spettacolo FALCON AND WINTER SOLDIER debutta su Disney+, su cui purtroppo ho sentimenti molto contrastanti. Sono davvero felice per Sebastian Stan, che penso sia sia un bravo ragazzo oltre che il perfetto Bucky/Winter Soldier, e sono contento di vederlo ottenere finalmente più tempo sullo schermo. Inoltre, Anthony Mackie è fantastico nei panni del Falcon, e tutti quelli che ho incontrato ai Marvel Studios (fino a Kevin Feige) non sono stati altro che gentili con me...Ma allo stesso tempo, Steve Epting e io siamo riusciti a creare Winter Soldier e la sua trama, ma tutto ciò che abbiamo ottenuto è un "grazie", e nel corso degli anni è diventato sempre più difficile conviverci. Ho anche visto alti livelli dell'editoria provare a prendersi il merito del mio lavoro un paio di volte, il che è stato piuttosto irritante (per essere chiari, NON sto parlando di Tom Breevort, che è stato un ottimo editore e davvero utile). Quindi sì, sentimenti contrastanti, e forse sarà sempre così (ma spero proprio di no). Il lavoro su commissione è quello che è, e sono onestamente entusiasta di aver co-creato qualcosa che è diventato una parte così importante della cultura pop - o anche della sottocultura pop con tutta la fiction di Bucky-Steve - è stato uno dei momenti più felici della mia carriera. Inoltre, ho una vita fantastica come scrittore e in gran parte è dovuto al fatto che Cap e Winter Soldier hanno portato così tanti lettori al mio altro lavoro. Ma non posso negare di sentirmi un po' male, a volte, quando la mia casella di posta si riempie di persone che vogliono commenti sullo spettacolo. Quindi...sono sicuro che lo guarderò, e dovreste farlo anche voi se siete fan dell'universo Marvel, ma probabilmente aspetterò un po' per vederlo. Quindi per favore non scrivetemi spoiler, ma andate a dare a Sebastian Stan tanto amore online".

The Falcon and The Winter Soldier: i Sentimenti Contrastanti di Ed Brubaker

Ci sono stati molti ringraziamenti e accenni ai creatori di iconici personaggi Marvel, ma questo non può mai equivalere a un compenso monetario. Marvel e DC hanno già affrontato la natura complicata della proprietà dei fumetti. Molti artisti e scrittori lavorano su serie TV nel corso degli anni, e alcuni sono profumatamente ricompensati per il loro contributo. Altri no, e non si sono fatti problemi a lamentarsene: la Marvel, infatti, ha avuto una lunga battaglia legale con la famiglia del collaboratore di lunga data di Stan Lee, Jack Kirby.

Come ha riconosciuto lo stesso Brubaker, il lavoro su commissione è quello che è. La Marvel è ora di proprietà della Disney, e coloro che hanno familiarità con la lunga storia della Casa di Topolino, nota per modellare e lottare con la legge sul copyright, sapranno che il problema è molto più ampio della rivendicazione individuale di Brubaker. C'è qualcosa di oggettivamente ingiusto nel fatto che i creatori di questi personaggi non vengano compensati mentre i loro personaggi generano un tesoro non indifferente, ma il sistema è tale che ogni istanza viene decisa caso per caso. Finora, Brubaker non ha indicato alcuna intenzione di citare la piattaforma in giudizio.

Fonte: Screen Rant

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.