The Boys 3: Eric Kripke parla della nuova Stagione, "Patriota deve essere fermato prima che succeda una Apocalisse"

The Boys 3: Eric Kripke parla della nuova Stagione, "Patriota deve essere fermato prima che succeda una Apocalisse"

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

The Boys, la serie di maggior successo di Prime Video, racconta la storia ridicolmente violenta di un gruppo di Super guidati da Patriota, commercializzati dalla Vought a un pubblico adorante e tristemente male informato. Billy Butcher guida invece i Boys, una squadra di antieroi che fanno di tutto per controllare - e magari uccidere - i Sette. Mantelli, violenza e sesso a parte, il successo dello spettacolo arriva specialmente perché lo showrunner Eric Kripke ha capito che i personaggi, e non i loro superpoteri, sono il vero cardine dello spettacolo. Ancora più importante, Kripke ha capito che il motore principale della storia era la domanda su come si sarebbero effettivamente comportate le persone reali se dotate di superpoteri.
La risposta, a quanto pare, è in cima al grattacielo dove Patriota ha realizzato di poter fare qualunque cosa desideri.

E la scena del grattacielo di Patriota è solo un riscaldamento per la terza stagione, che fin dai primi episodi ha mostrato il triste quanto spaventoso disfacimento dissociativo di Patriota e l'introduzione di un nuovo rivale, Soldatino.

Kripke ha recentemente parlato della serie TV e di come quello che è iniziato come un "prendere per il culo i supereroi" è diventato quasi immediatamente un commento satirico sulla vita moderna in America.

The Boys 3: Eric Kripke parla della nuova Stagione,

Questo spettacolo riporta l'ossessione dell'America per i supereroi alle sue radici greco-romane in cui gli Dei sono meschini, vanitosi e, diciamolo, molto attivi sessualmente. Quanto era importante per te il tipo di ethos greco all'inizio di questo spettacolo?

"È una domanda affascinante. La risposta breve è che non siamo affatto partiti da lì. Ci siamo evoluti una volta che abbiamo iniziato a parlare sempre di più di chi fossero i personaggi. Una certa parte è stata ispirata da ciò che Garth Ennis ha fatto nel fumetto, anche se il fumetto è un po' più stilizzato. Ma il nostro obiettivo generale era capire come realizzare lo spettacolo di supereroi più realistico mai realizzato. Cosa succederebbe se le persone reali avessero i superpoteri? Quindi in realtà non ci siamo mai arrivati da divinità crudeli e capricciose. In realtà ci siamo arrivati da una prospettiva umana: ad esempio, se tu avessi il potere di Superman, molto probabilmente inizieresti a dissociarti, non vedresti più le altre persone come tuoi pari. Se sei l'uomo più veloce del mondo e hai, inevitabilmente, un potere basato sulle prestazioni, sei bravo solo finché sei il più veloce. Se sei il secondo più veloce, non sei nessuno. Quindi viviamo nella tensione in cui gli ingranaggi macinano tra la completa, totale assurdità del concetto di supereroe e la realtà del nostro mondo nella psicologia umana, perché queste sono due cose molto diverse. Quindi, dove ci sono quelle scintille è dove troviamo la maggior parte delle nostre idee buone per lo spettacolo".

Con Butcher che assume il V-24 e l'arrivo di Soldatino, vediamo un Patriota totalmente impazzito anche nel trailer della stagione. Quanto si evolverà Patriota nella terza stagione?

"Si potrebbe descrivere la stagione, essenzialmente, come il lento disfacimento di Patriota. Quindi gli sceneggiatori sanno - e anche Antony Starr, che è una parte importante di questo - che, alla fine, ogni volta che la serie raggiunge il culmine, questo ragazzo diventerà completamente sociopatico e deve essere fermato prima che succeda una Apocalisse. Questo è ciò che stiamo costruendo. Quindi da scrittore pensi: 'Cos'è che lo blocca? Cos'è che gli impedisce di distruggere il mondo? Quali sono le cose di cui ha bisogno? E come facciamo a fargli fare un passo dopo l'altro verso questa direzione?'. Quindi non è tanto un'evoluzione ma una involuzione, direi. In questo momento ha ancora bisogno di amore. Ha ancora bisogno dell'adorazione dei fan e dell'approvazione e dell'amore di suo figlio. Ci sono tutte queste cose che richiede che, se fosse diventato un vero mostro, non le avrebbe volute. Quindi trascorriamo tutte le stagioni insegnandogli che non ha bisogno di quelle cose, una dopo l'altra. E poi, una volta che finalmente si rende conto che non vuole l'amore o l'approvazione di nessuno, è allora che inizia il grande gioco finale".

Patriota una sorta di rappresentante dell'etica americana, per te? Non voglio metterti le parole in bocca...

"No, no, no, no, no. Capisco".

Perché potrebbe essere totalmente sbagliato.

"Ascolta, amo questo Paese, ma per me rappresenta cose come Trump, MAGA e Tucker Carlson, e non definirei quelle persone come rappresentanti dell'etica americana. Definirei quelle persone come persone che si presentano come americane e patriottiche, ma alla fine sono avidi, irrazionali ed estremamente egoisti. Quindi, per me, Patriota è più l'incarnazione ambulante di Fox News, perché si presenta come l'eroe di tutti, il più forte, dicendo: 'Sono l'unico che può salvarvi'. E come molte personalità di culto, è estremamente bravo a far sembrare semplici questioni davvero complicate e a irritare le persone. E questo è ovviamente davvero pericoloso. E se lo spettacolo ha qualche tema è se qualcuno ti sta di fronte e dice: 'Sono l'unico che può salvarvi', non fidarti di loro. Ti stanno vendendo qualcosa, e nessuno verrà a salvarti. Quindi è meglio capire come salvarci a vicenda".

The Boys 3: Eric Kripke parla della nuova Stagione,

Per favore, dimmi che indossa un papillon ad un certo punto della terza stagione. Sarebbe incredibile.

"No, anzi, in realtà Antony a volte se la prende con me perché ogni tanto baserò il suo personaggio su Trump, prenderò frammenti dei discorsi di Trump e li inserirò nei suoi dialoghi e cose del genere. E Antony, giustamente, dice: 'Ma Patriota è più intelligente di Trump, ed è difficile per me trovare la mia motivazione per alcune delle idiozie che stai scrivendo, perché Patriota è più astuto e strategico'. Trump non è altro che impulsi infantili: 'Voglio questo, voglio amore, voglio rispetto, dovremmo tutti spararci candeggina nelle vene'. È semplicemente incredibile per me che abbia qualcuno che lo segue".

Sembra che tu abbia trasformato alcuni degli svantaggi di uno show televisivo, in cui le scene d'azione sono in qualche modo limitate dal budget, in una vittoria dal punto di vista della scrittura. Sono curioso di saperlo: quanto ci hai pensato? E come l'hai usato per il vantaggio della storia?

"Viene dal mio background. Siamo un gruppo scadente e ho dovuto realizzare, ad esempio, Supernatural, con una frazione del budget di The Boys, e ho imparato molto presto che non puoi fare qualcosa se non hai le risorse per realizzarle. Devi solo essere creativo su ciò che vedi e non vedi. Ma come appare visivamente? Anche se ho quei bellissimi soldi di Amazon per fare The Boys, ho ancora quella sensazione di essere messo sempre alla prova, possiamo farcela o no? Per fare uno spettacolo del genere, la risposta è sempre la stessa: rafforza i tuoi personaggi. Sono nel business dei personaggi. La televisione è il business dei personaggi. E il mio spettacolo avrà successo se riuscirò a farvi amare i miei personaggi e a esserne dipendente. E al contrario, il mio spettacolo fallirà se non ci riesco. Potresti ridurre tutta la televisione a questo. È incredibile quante volte le persone lo dimentichino quando creano programmi televisivi".

In che modo hai fatto riferimenti intenzionali all'attuale mondo politico e aziendale con The Boys in generale e specialmente nella terza stagione?

"Parliamo molto intenzionalmente e consapevolmente di ciò che sta accadendo nel mondo, lo abbiamo fatto fin dall'inizio. Fondamentalmente, la nostra formula è piuttosto semplice: gli scrittori arrivano al mattino e ci arrabbiamo per qualcosa che sta accadendo nel mondo o per qualche ingiustizia, e la mia risposta è sempre la stessa: scriviamone e scopriamo come rappresentarlo in modo satirico nello show, quindi almeno possiamo pensare che non siamo completamente impotenti di fronte a questo fottuto mondo distopico in cui viviamo. È sempre stato così. Era un po' come nella prima stagione, abbiamo iniziato a pensare: 'Prenderemo per il culo i supereroi'. Direi che prima di finire di scrivere il primo episodio, ci siamo resi conto: 'Oh, aspetta, si tratta dell'intersezione tra celebrità e autoritarismo'.".

Bel tempismo, comunque.

"Vero? Ho aspettato tutta la mia carriera per avere questo tipo di tempismo. Una volta che ci siamo resi conto di averlo e che stavamo definendo il secondo esatto in cui stiamo vivendo, abbiamo pensato che saremmo stati pazzi a non spingere questo aspetto fino in fondo".

Quando scrivi da solo, fuori dalla writer's room, qual è il tuo rituale privato?

"Le mie ore sono molto, molto noiose. La cosa che faccio sistematicamente - non è così folle, ma funziona davvero - è che non riscrivo mai finché non raggiungo la fine. Ovviamente, mentre rileggo, ci sono un milione di problemi. Scrivo ogni problema su un biglietto e lo metto in un angolo della mia scrivania, così so che esiste e che ci ho pensato. Alla fine di ogni sceneggiatura, ho un mucchio di problemi. Poi comincio ad affrontarli, li risolvo uno alla volta, ma lo faccio nel suo insieme".

Fonte: Writers Guild of America West

 
X

Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per "interazioni e funzionalità semplici", "miglioramento dell'esperienza", "misurazione" e "targeting e pubblicità" come specificato nella informativa sui cookie. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante "Accetta". Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Scopri di più