The 100 7: lo Showrunner spiega perché è la Stagione Finale della Serie TV

The 100 7: lo Showrunner spiega perché è la Stagione Finale della Serie TV

Scritto da:  - 

Lo showrunner Jason Rothenberg ha parlato in un'intervista al sito Colleder degli imprevisti di produzione causati dal Coronavirus e ha spiegato perché questa prossima sarà l'ultima stagione della serie distopica The 100.

"È stata molto dura, ma la cosa più difficile è stato il non poter abbracciare tutti alla fine. [...] fortunatamente nessuno si è ammalato" - ha affermato -"Abbiamo avuto tre giorni soltanto per finire di filmare quando ci hanno chiamato per dire che si sarebbe fermato tutto. Ci hanno detto inoltre che avremmo potuto finire il lavoro, ma che dovevamo trovare una soluzione per farlo il più in fretta possibile, per cui abbiamo estrapolato le scene dal terzo giorno e abbiamo eseguito tre giorni di filmati in due sole giornate. [...] Alla fine c'è stata soltanto una festa tra il cast e la squadra nel set della taverna di Sanctum, il che è stato molto strappalacrime, ma anche anti-climatico".

Come è stato deciso quindi che questa sarebbe stata l'ultima stagione? Era davvero così che si voleva finire il tutto? 

"È così che doveva finire. Non so se lo studio e il network ci avrebbero permesso di proseguire con un'ottava. Presumo di sì. Sono stati gentili al punto da farci filmare 10 episodi e proseguire quindi quest'anno fino al episodio #100, per cui presumo avrebbero voluto anche di più, ma eravamo pronti (a fermarci). È un periodo molto lungo per narrare la storia di uno stesso gruppo di personaggi. Una delle cose che hanno reso lo show interessante è stato cambiare molte cose ogni anno e l'introdurre molti nuovi personaggi. Non volevamo trattenerci più del dovuto e fare 10,12 o più stagioni solo per il gusto di farlo. Quindi questa è stata una decisione presa da noi, spesso non si ha la fortuna di poter decidere come avere un finale e quando. Anche questa è stata una concessione generosa da parte dello studio e del network".

Quanto pensa sia simile questa stagione finale e in particolare l'ultimo episodio a quello che avevate in mente?

"Penso per quanto riguarda i toni e le emozioni il finale sia simile a quanto immaginavamo. C'erano un paio di idee in competizione con vari gradi di oscurità, ma questa è quella su cui puntavamo, emotivamente, per tutto il tempo, o per lo meno per me. Ma per dir la verità, quando abbiamo iniziato, non pensavamo di poter ottenere una serie, a maggior ragione non immaginavamo ben 7 stagioni. Le cose evolvono, Per ogni stagione aggiungiamo cose nuove, per cui ognuna di esse è una nuova avventura. Alcune stagioni sono terminate senza una sicurezza da parte nostra di poter proseguire , per cui in quei casi abbiamo dovuto creare un episodio che potesse ipoteticamente servire anche da finale dell'intera storia. È stato così per la stagione 5 per esempio. Hai la possibilità di poter lavorare con persone così talentuose nella sala di scrittura e le cose migliorano di volta in volta evolvendosi".

Quali sono state le sfide specifiche di creare un episodio all'interno dell'ultima stagione che servisse anche da pilota per un possibile sequel?

"È stato eccitante. La verità è che abbiamo interrotto la stagione prima che io accettassi di fare un episodio simile, per mandare avanti lo show, e non eravamo sicuri di come sarebbe stato. C'è stato un episodio che avevamo già in mente di creare e mentre Kim Shumway (regista e produttore esecutivo) ed io abbiamo iniziato a parlare di come lo spin-off potesse essere abbiamo realizzato che quello poteva essere il trampolino di lancio per una potenziale storia sulle origini dei Terrestri (Grounders). Dunque poiché combaciava in ogni caso con il nostro progetto della stagione, tutto ciò risponde a molte domande che hanno bisogno di risposte, riempie alcuni punti oscuri, anche in questa stagione. Senza quell'episodio la storia non sarebbe completa [...]. Non è stato facile scriverlo,filmarlo e produrlo in periodo di pandemia, ma narrativamente va bene".

Se quella nuova serie andrà in porto ne sarai anche showrunner?

"Sì e ne sarei felice. Ma non si sa mai cosa accadrà in futuro, ci sarò come posso per porne quantomeno le basi".

Fonte: Collider

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.