Manifest 4: ecco gli Attori che vedremo nella nuova Stagione, presto su Netflix

Manifest 4: ecco gli Attori che vedremo nella nuova Stagione, presto su Netflix

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Manifest tornerà con una quarta stagione: Netflix ha rinnovato la serie per un capitolo conclusivo composto da venti episodi, dopo la cancellazione dello show da parte della NBC. L’ideatore Jeff Rake ed il suo team avranno modo di dare un finale alla storia, e potranno risolvere tutti i cliffhangers sconvolgenti del finale della terza stagione. Dopo aver concluso l’accordo per riportare in vita la serie, Netflix si è assicurata tutti i principali componenti del cast, la maggior parte dei quali tornerà per la stagione finale.

Secondo Deadline, Josh Dallas, Melissa Roxburgh, J.R. Ramirez, Parveen Kaur, Luna Blaise e Holly Taylor, tutte presenze regolari nello show, sono confermati per la quarta stagione. Ty Doran, guest star nel finale della terza stagione, è stato promosso anch’esso a presenza regolare, nei panni di una versione più vecchia di Cal Stone; il suo arrivo significa che l’attore Jack Messina non tornerà per la stagione finale.

Messina ha interpretato Cal Stone nelle prime tre stagioni, ma il salto temporale nel finale della terza stagione ha visto il suo personaggio invecchiare di parecchi anni. La stagione finale sarà ambientata interamente in quella timeline futura, o almeno così sembra, e Messina lascerà il suo posto a Doran. Anche Athena Karkanis, che ha interpretato la madre di Cal ed Olivia nelle prime tre stagioni, lascerà la serie: tuttavia, la sua partenza è meno sorprendente, dal momento che il suo personaggio è stato ucciso nel finale della terza stagione.

Rake aveva inizialmente previsto che Manifest sarebbe durato sei stagioni, ma i venti episodi conclusivi daranno a lui ed al suo team creativo il tempo di realizzare il finale che ha avuto in mente fin dall’inizio. Lo stesso Rake, in un’intervista, ha affermato:
“Il finale non cambierà affatto. Le persone che hanno seguito questa storia a giugno e luglio ricorderanno che, nelle prime settimane dopo la cancellazione, ero speranzoso che qualcuno si sarebbe fatto avanti, consentendoci di fare qualcosa di modesto, come un film di due ore”.

Fonte: Comic Book

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.