Lucifer 5B: Kevin Alejandro commenta il 15° Episodio e parla della prossima 6° Stagione

Lucifer 5B: Kevin Alejandro commenta il 15° Episodio e parla della prossima 6° Stagione

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Mentre i lavori della quinta stagione di Lucifer erano ancora in corso, l'interprete del Detective Dan Espinoza Kevin Alejandro aveva suggerito agli showrunner Ildy Modrovich e Joe Henderson che forse era il momento giusto per "strappare" Dan alla serie TV. Ma allora, tutti pensavano che la quinta stagione fosse quella finale.

L'attore ha recentemente parlato della scomparsa di Dan, se la sesta stagione potrebbe riportarlo in vita e molto altro ancora.

  • Quando hai appreso per la prima volta del piano per Dan? E qual è stata la tua reazione?

"È stata una conversazione avvenuta prima che iniziassimo la stagione 5, che pensavamo tutti fosse il nostro finale di serie. Abbiamo tutti pensato: 'Questa è l'ultima, chiudiamo alla grande, chiudiamo con forza, rendiamo giustizia a questa storia'. Ricordo di aver parlato con Joe e Ildy e di aver suggerito vagamente quella che pensavo sarebbe stata un'idea interessante, che a questo punto della nostra storia, in questo viaggio che abbiamo fatto tutti insieme, il pubblico sta iniziando solo ora a capire chi Dan sia veramente. E ci sono anche alcuni di loro che stanno iniziando ad apprezzarlo. 'Non sarebbe interessante se glielo strappassimo via prima che abbiano la possibilità di adorarlo completamente?' Perché questo è ciò che accade nella vita. Ho pensato che sarebbe stato di grande impatto. Ora non so se stessero già girando intorno a quell'idea, ma erano d'accordo, e siamo tutti d'accordo che sarebbe stato l'arco di Dan. Ovviamente, tre o quattro giorni prima che smettessimo di girare l'ultimo episodio, riceviamo notizie da Netflix che hanno trovato un po' più di soldi o altro e che vogliono farci fare la sesta stagione. [Ride] Dico: 'Aspetta un minuto! Mi hanno appena ucciso! Io ho finito!'".

  • Pensavi che ti mancava solo un episodio, ma ora è un episodio e una stagione completa!

"Esattamente. Ma Joe e Ildy si sono subito messi in contatto con me per dirmi: 'Ehi, ecco, senti, c'è una notizia. Se vuoi ancora far parte dello show, sappiamo come farti tornare con rispetto e non cambiare la qualità di ciò che stiamo creando'. Volevo stare con queste persone fino alla fine. Joe e Ildy lo rispettavano, e per fortuna volevano che anch'io ne facessi parte. Quindi hanno trovato un modo carino per riportarmi indietro, non nel modo in cui le persone si aspettano che torni, e forse non come una parte importante dello spettacolo, ma devo essere lì per la fine, in qualche modo. Ed è stato meraviglioso poter concludere un viaggio completo. Perché è stato un viaggio".

  • Lauren German e Scarlett Estevez hanno fatto un ottimo lavoro nella scena dell'ospedale, quando ricevono la triste notizia. Sei rimasto a guardare la gente che ti piangeva?

"Beh, sì. Ho detto: 'Sono qui, rendetemi orgoglioso!' [Ride] Ero presente per Scarlett, perché quel giorno sarebbe stato il mio addio a lei - non a Trixie, ma a Scarlett. Quindi quando mi sono presentato quel giorno…L'umore era pesante. Di solito siamo una compagnia piuttosto gioviale e scherzosa, ma quel giorno l'atmosfera era piuttosto pesante. Sembrava una vera fine".

  • Averti appena visto forse ha aiutato Scarlett nel suo obiettivo.

"Assolutamente. Anche le persone in quella scena che avevano già fatto il loro lavoro, solo a guardarmi avevano le lacrime agli occhi. Stiamo insieme da sempre e abbiamo instaurato una vera amicizia durante tutto il tempo trascorso nello show. Ricordo che Lauren mi abbracciava, dicendo: 'Sono così felice che tu non sia morto nella vita reale'.".

Lucifer 5B: Kevin Alejandro commenta il 15° Episodio e parla della prossima 6° Stagione
  • Hai diretto il finale della stagione 5A, con la lotta dei fratelli alla stazione di polizia e tutto il resto. Cosa c'era di diverso nella sceneggiatura che ti è stata consegnata per la premiere della prossima stagione?

"La prima cosa che voglio dire è 'COVID'. Ecco cosa c'è di diverso. Tornando a dirigere la premiere della stagione, ed entrandoci completamente stralunati, con la mascherina, schermati e cercando di comunicare a una distanza di un metro e ottanta...Il livello di paura era ancora molto alto. L'ansia era alta. È stata un'esperienza diversa, devo dirlo. Ma a metà, qualcosa è scattato: 'È così, e dobbiamo solo farlo nel migliore dei modi'. E mentre tutti noi ci tiravamo su il morale, dato che è così che si lavora alle riprese adesso, è stato un sollievo. Tipo: 'Ok, possiamo farcela'. Così abbiamo fatto. Penso che sia stato fantastico essere il primo, come regista, a tornare in una nuova stagione, in un nuovo ambiente, perché lo stavamo cercando tutti insieme. Non era uno nuovo che dava ordini, era un membro della famiglia che prendeva le redini e comunicava con persone con cui sappiamo già come comunicare. E insieme, abbiamo fatto il meglio che potevamo. È un episodio davvero divertente".

  • La sesta stagione sarà un continuo dal finale della quinta o è passato del tempo per i personaggi?

"È passato un po' di tempo, sì. Ho anche avuto l'opportunità di dirigere il penultimo episodio della serie. Abbiamo un finale in due parti e ho avuto il piacere di gestire il grande climax dell'evoluzione di tutti i personaggi, che è stato straziante e bellissimo...Di nuovo, questo è stato scritto da Chris Rafferty, che ha scritto anche il finale di mezza stagione che ho diretto - e più recentemente ha scritto il 5×14, quindi sappiamo come collaborare. Ammetto che è meraviglioso, e non vedo l'ora che la gente veda quell'episodio".

Fonte: TVLine

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.