Lucifer 5: Tom Ellis parla del Piano Malvagio del gemello Michael e dei Problemi con Dio

Lucifer 5: Tom Ellis parla del Piano Malvagio del gemello Michael e dei Problemi con Dio

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

La prima parte della quinta stagione di Lucifer ha avuto due grandi riunioni di famiglia: una che ha reso la vita di Lucifer un Inferno, e una che potrebbe salvarlo da quell'inferno - anche se non siamo ancora sicuri della seconda.

Il primo è ovviamente rappresentato dall'arrivo del gemello di Lucifer, Michael (sempre interpretato da Tom Ellis), di cui i fan hanno sentito parlare per stagioni ma che non avevano mai conosciuto fino alla premiere della quinta stagione. E all'inizio potremmo pensare: "Beh, se Lucifer è il diavolo e Michael è un arcangelo è ovvio quale sia il gemello buono e quale sia quello cattivo". Niente di più sbagliato!

“Michael è cattivo! L'ironia, lo so” ha detto Ellis. "È stato interessante, perché pensavamo che per l'ultima stagione avremmo portato Michael, e volevamo tutti che a vestirne i panni fossi io. Quindi ho pensato: 'Ok, è l'ultima stagione, penso che lo farò'. Quindi questo faceva parte dell'inizio delle riprese, perché sapevo che sarebbe stato estenuante. E avevo ragione su questo, è stato assolutamente estenuante. Ma è stato molto divertente. Uno dei punti cardine per me, era che volevo che Michael fosse molto diverso da Lucifer. Ma dovevano essere differenze da attuare nel campo recitativo, ho dovuto far fede alla vecchia scuola perché non avevamo il tempo per cambiare le cose in VFX. Soprattutto se ero in una scena che vedeva entrambi i personaggi. Quindi ho dovuto tornare alle origini e pensare alla fisicità, alla camminata, pensare alla voce e poi iniziare a fondere queste cose insieme".

Il modo in cui Tom Ellis ha deciso di distinguere molto chiaramente Lucifer da Michael per il pubblico, è stato quello di rendere Michael "l'esatto opposto" di Lucifer: “Quindi Lucifer è un personaggio grandioso, aperto e socievole e volevo che Michael fosse un personaggio più chiuso, più un osservatore che un chiacchierone. E solo fisicamente, Lucifer tiene le braccia spalancate, mentre Michael si chiude nelle sue spalle. E questo è stato il punto di partenza per me. Poi vocalmente volevo che fosse molto diverso da Lucifer, quindi ho optato per una sorta di accento americano invece di un accento britannico, il che lo rende immediatamente meno affascinante".

Lucifer 5: Tom Ellis parla del Piano Malvagio del gemello Michael e dei Problemi con Dio

Quando è arrivato il momento di trasformarsi effettivamente in Michael sullo schermo, Ellis ricorda che all'inizio "si sentiva un imbroglione": "È stata una sfida per me presentarmi sul set il primo giorno per interpretare Michael, perché lavoravo con le stesse persone con cui ho lavorato per cinque anni, che sono così abituate a vedermi nei panni di Lucifer che ho faticato un po' mentalmente", ha ammesso la star di Netflix. "Mi sentivo un imbroglione, perché non è stata una transizione così facile per me. Ma poi ho passato del tempo a interpretare il personaggio e ad alternare Michael a Lucifer. E più lo facevo, più mi sentivo a mio agio. Ma mi sono divertito molto a interpretarlo, in un modo diverso rispetto a quello di Lucifer. Adoro le sfide, e questa ne è stata sicuramente un esempio in questa stagione".

Rimanendo sul tema delle sfide, Michael ne ha posto una bella impegnativa a Lucifer, una delle più grandi mai viste e che sicuramente non si risolverà da sola entro la fine della stagione: la linea che ha tracciato tra il nostro Diavolo e la sua cara amica demone Mazikeen.
Come sappiamo, Maze si sente profondamente tradita da Lucifer per aver tenuto sua madre Lilith nascosta da lei per tutti questi anni. E Michael non ha fatto altro che alimentare la divisione tra loro promettendo a Maze un'anima, qualcosa che lei vuole disperatamente ma che Lucifer pensa sia una richiesta ridicola, specialmente da parte di un demone.

"Ovviamente ha un impatto sulla fedeltà di Maze", ha detto Ellis. “Michael è un maestro nel gioco mentale, un burattinaio. Quindi gli piace usare le paure delle persone contro di loro e piantare semi. Questo dà a Maze spunti di riflessione sulla sua vita e su ciò che vuole, e ciò che Maze vuole più di ogni altra cosa è un'anima. Al momento si sente un po' bloccata, e chi è la persona che la aiuterà veramente? Una volta era Lucifer ma ora, forse, come le è stato fatto notare, non è la mossa più saggia che lei possa fare perché Lucifer si prende cura solo di se stesso. Questo concetto si evolverà nella seconda metà della stagione e Maze dovrà decidere da che parte stare".

Lucifer 5: Tom Ellis parla del Piano Malvagio del gemello Michael e dei Problemi con Dio

Parlando della seconda grande riunione di famiglia nella quinta stagione di Lucifer, è chiaro che stessimo parlando dell'introduzione di Dio (interpretato da Dennis Haysbert) o - come lo chiamano Lucifer, Michael e Amenadiel - Papà.

"Non ero così sicuro che avremmo mai incontrato Dio", ha confessato Ellis. “E poi, invece, quando mi è stato proposto per la quinta stagione, ho pensato: 'Beh, immagino che questo sia il momento giusto'. E quando hanno scelto Dennis ho pensato: 'È fantastico'".

Dio è arrivato negli ultimi istanti della prima parte della stagione, in Spoiler Alert, per fermare una intensa lotta tra Lucifer, Amenadiel, Michael e Maze, fondamentalmente dicendo ai suoi figli di smettere di litigare, perché Papà è tornato. E questo è tutto ciò che sappiamo sul personaggio di Dio per ora, ma tornerà nella seconda metà della quinta stagione ed Ellis è molto entusiasta di quello che vedremo: “È incredibile, perché scavando in quell'emotività ci sono un paio di scene che ho girato con Dennis di cui sono felicissimo, perché siamo davvero arrivati al nocciolo di ciò di cui parla la serie. E sono davvero entusiasta. È un po' una cosa orribile che Dio arrivi proprio alla fine della prima metà della quinta stagione, ma la seconda metà penso sia il blocco di episodi più forte che abbiamo mai girato".

L'attore protagonista dice che "una delle chiavi di Lucifer è che abbiamo questi grandi, straordinari personaggi, alcuni dei quali sono celesti, è vero, ma quando lo spettatore si relaziona di più con loro è quando vengono inseriti in qualcosa che conosciamo, come la famiglia".

"E quella dinamica tra Lucifer e suo padre - che non coinvolge solo Lucifer e Dio, perché ci sono anche gli altri fratelli - i problemi di Lucifer con suo padre sono stati al centro di tutto per quattro stagioni. Quindi come si risolverà? Si risolverà? E Lucifer pensava che avrebbe mai avuto l'opportunità di parlare di nuovo con suo padre? Non credo che pensasse che sarebbe successo. Quindi Lucifer si trova in un territorio inesplorato, e anche Dio stesso non sa bene come interagire con Lucifer e gli altri fratelli".

Tom Ellis ha detto, infine, che scopriremo di più sul rapporto tra Dio e il suo diabolico figlio nell'episodio musicale della quinta stagione Bloody Celestial Karaoke Jam, una puntata che i fan aspettano da molto tempo: "Ero entusiasta di fare un episodio musicale, ma ora che l'abbiamo fatto, sono solo entusiasta dell'episodio nella sua interezza. Non solo contiene canzoni fantastiche e scene con battute, è un episodio splendido. Per esempio, c'è una scena che in cui ci siamo io e Dennis e che ricorderò per sempre. Durante le prove c'erano tipo tre persone nella stanza insieme a noi, perché avevamo una stanza molto piccola per fare le prove, e tutte e tre quelle persone erano in lacrime alla fine. Quindi questo è un indizio su quanto questo episodio sarà potente".

Fonte: The Wrap

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.