La 3° Stagione di The Boys proporrà Interessanti Riflessioni sulla Politica

La 3° Stagione di The Boys proporrà Interessanti Riflessioni sulla Politica

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Mentre la produzione della terza stagione di The Boys è al lavoro sul set a Toronto, lo showrunner Eric Kripke, che ha sviluppato la serie TV di Amazon Prime Video, ha rilasciato una intervista nel mezzo delle riprese.

Lo sceneggiatore e produttore ha dichiarato che ha completato la quarantena prima di arrivare sul set, dove è stato presente per tre settimane e mezzo all’inizio della produzione per contribuire a dare il via al lavoro. Kripke ha parlato della difficoltà di lavorare in una grande serie TV nel mezzo dei protocolli anti COVID-19:
"In Canada, non ti è permesso avere più di 50 artisti sul tuo set in un dato momento. Ma siamo uno spettacolo che spesso ha scene di folla di 500 o più. Quindi gli effetti visivi devono intervenire, per affiancare tutte le nostre folle. Ma quando hai uno scatto con effetti visivi ci vuole tre volte il tempo di uno scatto normale".

Kripke inoltre si è focalizzato sull'aspetto politico e satirico dello show:
"Siamo certamente uno show politico e satirico. Siamo realmente interessati nella esplorazione della storia recente di Vought, la società presente nello show, ma anche i recenti eventi avvenuti negli Stati Uniti. Un grande elemento tratto dai fumetti è quello dei flashback relativi alla seconda Guerra Mondiale e Vietnam. L’ho sempre realmente amato perché si può vedere come il fenomeno dei supereroi non ha degli effetti solo sul presente, ma ha avuto un impatto anche su alcune parti del passato. E quindi abbiamo questo personaggio, Soldier Boy, interpretato da Jensen Ackles ed è in giro fin dalla seconda Guerra Mondiale, è stato il primo supereroe di Vought. Attraverso lui e la sua storia possiamo esplorare molti aspetti della storia della nazione".

Lo showrunner ha poi concluso evidenziando le questioni anche sociali affrontate nella serie TV:
"In parte, lo ammetto, è stata una fortuna sfacciata, perché ogni buon genere è una metafora di qualcosa. Mi è capitato di imbattermi in questo fantastico lavoro che aveva la connessione perfetta per il secondo esatto in cui viviamo. Ho aspettato tutta la vita di imbattermi in qualcosa che colpisse il bersaglio dello spirito del tempo, e non lo do per scontato, ma finalmente ne ho trovata una. Parte di esso è semplicemente assaporare questo mondo creato da Garth Ennis che parla di celebrità e autoritarismo, social media e disinformazione e come le aziende presentano una maschera brillante e felice al mondo, quando ciò che c'è dietro quella maschera è la spinta più spietata per capitale. Mi è stato consegnato questo abito meravigliosamente su misura e ho sentito che dovevo solo pavoneggiarmi il più possibile".

The Boys è disponibile con le sue due stagioni su Amazon Prime Video.

Fonte: Deadline

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.