The Walking Dead: un Impresa Funebre ha Criticato l'aspetto degli Zombie

The Walking Dead: un Impresa Funebre ha Criticato l'aspetto degli Zombie

Scritto da:  - 

Le serie tv sono da sempre fonte di ispirazione ed ammirazione: ci tengono con il fiato sospeso, ci rendono così partecipi del loro mondo che sentiamo di farne parte. Ovviamente non mancano le critiche negative, in special modo quelle “professionali”, e una serie longeva post apocalittica come The Walking Dead, popolata da morti viventi, non può certo esimersi da critiche dissacranti. E sono proprio i “protagonisti” zombie il punto cardine dellal discussione che ha preso il via nelle ultime ore.

Melissa Unfred, specializzata in sepolture naturali, ha infatti detto la sua sulla rappresentazione dei cadaveri che, secondo lei, seguono i processi naturali della morte, ma sarebbero stati resi ancora meglio se il team degli effetti visivi avesse aggiunto un po' di gonfiore, caratteristica tipica dei cadaveri. Inoltre, ha affermato che il primo passo del decadimento è la lividità: "Il processo di scolorimento che deriva dall'affondamento e dalla raccolta del sangue quando il cuore smette di pompare. La parte del corpo più vicina al suolo diventerà rosso scuro dove si deposita il sangue. Dopo circa 24 ore, il quadrante in basso a destra del corpo diventerà di colore verde bluastro, mentre i batteri nel pancreas sono i primi ad iniziare a inglobare i tessuti nell'intestino".

L'intervista a Live Science si conclude così: "La pelle assume un colore a venature molto bello, ma capisco che potrebbe non piacere a tutti". Inoltre scopriamo che anche l'estrema magrezza dei corpi non è realistica, in quanto il cadavere tende a gonfiarsi."

Mentre sono tutti alla ricerca del complice di Negan, Ricordiamo ai fan della serie TV ispirata ai fumetti di Robert Kirkman  che la serie riprenderà il prossimo anno e con una seconda parte a dir poco terrificante, ci dicono gli attori della serie. 

Seguiteci sulla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati sulle news del momento. 

Fonte: Comic Book

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.