Squid Game: Park Hae-soo racconta la sua Esperienza nella Serie TV di Netflix

Squid Game: Park Hae-soo racconta la sua Esperienza nella Serie TV di Netflix

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Con la sua corporatura alta, i lineamenti distinti e la capacità di passare dall'essere imponente all'essere l'esatto opposto e viceversa, Park Hae-soo ha fatto molta strada nell'ultimo decennio, dimostrando la sua versatilità. L'attore coreano è passato rapidamente dal teatro al cinema e alla televisione, ottenendo elogi e notorietà per le sue interpretazioni in spettacoli come Prison Playbook. Ma nulla avrebbe potuto preparare Park Hae-soo al successo ottenuto con Squid Game.

Lo show è stato presentato su Netflix lo scorso settembre, scalando immediatamente la Top 10 della piattaforma e ottenendo ottimi numeri di visualizzazioni. Da allora è diventata la serie Netflix più vista di tutti i tempi, superando altri programmi popolari come Bridgerton e Stranger Things. Definire Squid Game un fenomeno globale sarebbe un eufemismo.

La serie è stata creata da Hwang Dong-hyuk, che ha anche scritto e diretto tutti e nove gli episodi. Ispirato dagli orrori disumanizzanti del capitalismo e dalle ingiustizie della disparità di classe, Squid Game segue i partecipanti di una competizione mortale in cui tutti devono prendere parte a una serie di giochi per bambini. Se si perde, si muore. Se si vince, si ottiene un enorme premio in denaro. Park recita in Squid Game nei panni di Cho Sang-woo, un ex compagno di classe e amico d'infanzia del personaggio principale Seong Gi-hun, interpretato da Lee Jung-jae.

Sang-woo è annegato in debiti finanziari e alla disperata ricerca di vincere la competizione, qualunque cosa accada. Mentre inizialmente si allea con Gi-hun e altri per vincere le partite insieme, la sua vera natura viene rivelata quando inizia a ingannare gli altri e a trovare il modo di portarsi a casa la vittoria. È Sang-woo che finisce contro Gi-hun nel gioco finale, dove i due ex amici combattono fino alla morte di Sang-woo. Anche se Sang-woo agisce come un importante antagonista, l'attore è in grado di trasformarlo in un personaggio sempre più complesso. È una performance sottile, ma magnetica.

In una recente intervista, Park Hae-soo ha raccontato cosa vorrebbe vedere dalla seconda stagione di Squid Game, nonché del suo prossimo progetto di Netflix, La Casa di Carta: Corea.

Squid Game: Park Hae-soo racconta la sua Esperienza nella Serie TV di Netflix
  • Cosa ti ha portato a Squid Game e al personaggio di Cho Sang-woo?

"Devo dire che ci sono molte ragioni per cui ho voluto unirmi a Squid Game. Prima di tutto, il materiale in oggetto era intrigante, e poi era un gioco di sopravvivenza. Inoltre, tutte le varie narrazioni dei diversi personaggi - i loro retroscena e ciascuno dei loro archi narrativi - sono state ciò che mi ha attirato nella serie".

  • Qual è stata la parte più difficile delle riprese di Squid Game?

"Non è stato sicuramente facile cercare di entrare nella mente del mio personaggio, è stata una sfida comprenderlo appieno perché il mio personaggio avrebbe preso queste 'decisioni logiche' che doveva prendere durante il gioco. Per quanto riguarda gli altri aspetti fisici della produzione, sono stato in grado di farlo abbastanza bene perché abbiamo lavorato tutti insieme, quindi non è stata una grande sfida. Ma penso che si trattasse più di essere d'accordo con lui a livello psicologico".

  • Su quale parte del tuo personaggio sei riuscito a concentrarti per renderlo una persona più sfaccettata e non solo un cattivo bidimensionale?

"Il mio obiettivo principale era come è stato cresciuto. Ha vissuto una vita molto orientata agli obiettivi e al successo. In termini di diverse decisioni che doveva prendere, era molto limitato a causa di quel particolare obiettivo. E ho cercato di esaminare davvero le dinamiche di relazione tra il mio personaggio e il personaggio principale interpretato da Jung-jae. All'interno della serie, ho cercato di approfondire davvero le diverse emozioni che deve aver provato mentre cresceva come amico intimo del personaggio di Jung-jae, incluso il sentirsi inferiore o il senso di gelosia che era sempre radicato in lui".

  • Cosa pensi sarebbe successo se Sang-woo avesse vinto il gioco e il premio in denaro? Come pensi che sarebbe continuata la sua vita?

"Penso che anche se fosse stato il vincitore, si ritroverebbe di nuovo nel gioco dopo aver perso tutti i soldi".

  • In quale gioco della serie pensi che saresti il migliore? E in quale pensi che saresti il peggiore?

"Mi piacerebbe pensare che avrei avuto successo nella maggior parte dei giochi, ma se dovessi sceglierne uno in cui probabilmente sarei il peggiore, sarebbe quello del biscotto. Serve troppa precisione. Per quanto riguarda gli altri giochi che richiedono molta forza fisica, sono abbastanza fiducioso nel tiro alla fune, un due tre stella e persino nell'ultimo round di Squid Game".

  • Cosa puoi condividere con noi su La Casa di Carta: Corea?

"Essendo questa la versione coreana, il cambiamento più grande è l'impostazione. Si basa sulla storia coreana e sul fatto che siamo una nazione divisa. Quindi sarà qualcosa a cui potresti voler prestare attenzione in particolare mentre lo guardi, ed è qualcosa che differenzierà la serie coreana dall'originale spagnolo".

  • Nel realizzare questa nuova serie, c'è stato qualcosa di nuovo che non avevi fatto prima?

"Interpreto un personaggio nordcoreano, ed è stata una nuova sfida per me perché questo non è qualcosa di inventato. Per noi è vera storia. Ho prestato particolare attenzione a ritrarre i dettagli di ciò che sta accadendo nei campi di concentramento in Corea del Nord. Volevo assicurarmi di aver fatto il mio dovere nel ritrarlo perché, ancora una volta, è storia e non finzione. C'era un senso di responsabilità".

  • Anche se purtroppo sembra che non tornerai per la nuova stagione di Squid Game, c'è qualcosa della serie che vorresti vedere ulteriormente approfondito o qualche nuovo gioco?

"Beh, indipendentemente dal fatto che il mio personaggio tornerà o meno nella seconda stagione di Squid Game, è tutto nella testa del regista. Quindi non è nulla che posso dire con certezza. Quello che mi piacerebbe vedere è lo sviluppo del personaggio di Gi-hun e il suo rapporto con l'uomo mascherato. Questa è una cosa che non vedo l'ora di vedere. Per quanto riguarda i giochi, ci sono così tanti tradizionali giochi d'infanzia coreani che le persone non hanno ancora visto. Mi piacerebbe vedere qualcosa come la tradizionale corda per saltare coreana".

 
X

Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per "interazioni e funzionalità semplici", "miglioramento dell'esperienza", "misurazione" e "targeting e pubblicità" come specificato nella informativa sui cookie. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante "Accetta". Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Scopri di più