Netflix al lavoro sul Blocco della Condivisone delle Password ai non Conviventi

Netflix al lavoro sul Blocco della Condivisone delle Password ai non Conviventi

Scritto da:  - 

Sembra che Netflix stia finalmente iniziando a reprimere una delle più antiche pratiche nel mondo dello streaming note agli utenti: la condivisione di password per il login esiste da quando esiste Netflix. Amici e familiari condividono gli account da sempre, permettendo il pagamento di un solo abbonamento per l'intrattenimento di tutti. Si parla da tempo di Netflix che cerca un modo per ridurre ai minimi termini la condivisione delle password, e sembra che il servizio di streaming stia iniziando a lavorare proprio a questo.

Alcuni clienti stanno iniziando a ricevere un messaggio quando accedono a Netflix, che dice loro che devono far parte della stessa famiglia del proprietario dell'account. Il messaggio include un'opzione del codice di verifica per coloro che sono i titolari dell'account, se accedono da una posizione diversa.

Per ora, questo appare solo sui dispositivi TV. Se usufruite della piattaforma da pc o cellulare, non vedrete un messaggio come questo. Almeno, non ancora.

Secondo Netflix, questo è un test che la società sta aggiungendo a determinati dispositivi, ma non mira necessariamente a rimuovere la condivisione della password: vuole piuttosto assicurarsi che terzi non utilizzino gli account Netflix senza autorizzazione:
"Questo test è progettato per garantire che le persone che utilizzano l'account Netflix siano autorizzate a farlo", ha detto un portavoce del gigante dello streaming.

Se questo viene implementato su una scala più ampia, sarà leggermente difficile da sorvegliare. Ad esempio, se qualcuno va a vivere da solo ma usa ancora l'account Netflix dei suoi genitori, sarebbe costretto ad avere un proprio abbonamento? Sembrerebbe di no, ma questo sistema vedrebbe i genitori ricevere una mail con un codice di verifica per dare l'ok al dispositivo del figlio per visualizzare un qualsiasi contenuto.

Fonte: Comic Book

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulle nostre pagine social:
 
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.