Loki 1x04: la Regista e lo Sceneggiatore della Serie TV danno una Spiegazione a quell’inaspettata Cotta

Loki 1x04: la Regista e lo Sceneggiatore della Serie TV danno una Spiegazione a quell’inaspettata Cotta

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Il quarto episodio di Loki, rilasciato mercoledì su Disney+, ha mostrato una svolta sorprendente degli eventi. All'inizio dell'episodio, il Dio dell'Inganno (Tom Hiddleston) e Sylvie (Sophia Di Martino) accettano il loro destino su Lamentis e si preparano a morire nell'apocalisse, ma un Evento Nexus ha permesso alla TVA di trovarli appena in tempo. L'evento in questione consiste in Loki che prova sentimenti per la sua Variante, e sembrava che stesse per dichiararsi alla fine dell'episodio prima che Ravonna Renslayer (Gugu Mbatha-Raw) lo interrompesse. La potenziale nuova storia d'amore è stata un argomento caldo sui social, con molti fan a dir poco entusiasti mentre altri lo trovano un po' strano.

Durante una recente intervista, lo sceneggiatore Michael Waldron e la regista Kate Herron hanno spiegato perché tutto ciò ha senso per Loki:
"Quello era uno dei punti cruciali del mio discorso per la serie, che ci sarebbe stata una storia d'amore. Ci abbiamo pensato molto: 'Vogliamo davvero che questo ragazzo si innamori di un'altra versione di se stesso? È troppo folle?'. Ma in una serie che, per me, è in definitiva sull'amore per se stessi e il perdono, sembrava giusto che quella fosse la prima vera storia d'amore di Loki"

"Lo sguardo che condividono, in quel momento, è iniziato come un'amicizia", ha spiegato Waldron parlando dell'Evento Nexus. "Poi, per la prima volta, entrambi hanno quel pensiero tipo: 'Oh, potrebbe essere qualcosa di più? Cos'è questa sensazione che sento?'. Sono due esseri di puro caos, sono la stessa persona che si innamora l'uno dell'altro. Questo è un ramo incredibile della Sacra Linea del Tempo, ed esattamente il genere di cose che terrorizzerebbe la TVA".

"Chi è la persona migliore per Loki?" ha continuato Herron. "L'intero spettacolo riguarda l'identità. Riguarda lui, ed è su un percorso molto diverso, è in un viaggio diverso. Vede cose familiari in Sylvie, pensa: 'Oh, ci sono stato. Lo so cosa senti'. Ma lei dice: 'Beh, non mi sento così'. E penso che fosse una cosa divertente. Lei è lui, ma non è lui. Hanno avuto esperienze di vita così diverse. Quindi, solo dal punto di vista dell'identità, è stato interessante approfondire questo tema".

Fonte: Comic Book

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.