L'Ultimatum di Netflix, Disney e AMC alla Georgia, per Combattere la Legge sull'Aborto

L'Ultimatum di Netflix, Disney e AMC alla Georgia, per Combattere la Legge sull'Aborto

Scritto da:  - 

Disney e Netflix non sono più le uniche: anche AT & T, NBCUniversal, CBS, AMC, Sony e Viacom si sono unite alla causa comune minacciando che potrebbero cancellare le produzioni nello stato della Georgia, secondo le dichiarazioni fornite a The Hollywood Reporter.

Recentemente, il CEO della Disney Bob Iger ha dichiarato che la compagnia potrebbe smettere di filmare film e serie TV in Georgia se la nuova controversa legge sull'aborto dello stato entrerà in vigore.

A Iger sono state chieste maggiori informazioni riguardo i piani della compagnia di continuare a filmare alcuni dei film più celebri in Georgia a seguito del divieto di aborto che impedirebbe alle donne di eseguire la procedura non appena un medico potesse trovare il battito cardiaco di un feto. È un divieto problematico, soprattutto considerando che il rilevamento di un battito cardiaco può verificarsi già da sei settimane in una gravidanza, quando le donne non sanno nemmeno di essere in stato interessante.

Perdere la Disney sarebbe un duro colpo per la Georgia, dato che lo Stato riceve crediti ogni volta che permette agli studios di girare nel territorio. Disney è uno dei più importanti di questi studios, avendo girato alcuni dei suoi film Marvel più importanti in Georgia, tra cui Black Panther, Capitan America: Civil War e Avengers: Infinity War. Queste produzioni hanno aiutato la Georgia a portare a casa quasi 2,7 miliardi di dollari solo nel 2017!

L\'Ultimatum di Netflix, Disney e AMC alla Georgia, per Combattere la Legge sull\'Aborto

Quel guadagno annuale potrebbe presto iniziare a calare drasticamente. Iger ha confessato che sarebbe molto difficile continuare le riprese in Georgia, aggiungendo che quasi sicuramente non avrebbero continuato a girare se la legge fosse entrata in vigore il 1° gennaio 2020. "Penso che molte persone che lavorano per noi non vogliano lavorare lì, dovremo prestare attenzione ai loro desideri a riguardo", ha detto Iger. "In questo momento ci stiamo riflettendo molto attentamente".

La Disney era in effetti la seconda azienda che minacciava di interrompere le riprese in Georgia se la legge fosse stata approvata. La scorsa settimana, Ted Sarandos, chief content officer di Netflix, ha detto che la società "avrebbe ripensato all nostro intero investimento in Georgia" se la nuova legge sull'aborto dello stato entrerà in vigore.

"Abbiamo molte donne che lavorano a più produzioni in Georgia, i cui diritti, insieme a milioni di altri, saranno severamente limitati da questa legge", ha detto Sarandos in una dichiarazione all'inizio di questa settimana. "Dato che la legislazione non è stata ancora implementata, continueremo a filmare lì, sostenendo anche partner e artisti che scelgono di non farlo".

Entrambe le società trascorreranno un po' di tempo in Georgia: Netflix gira Stranger Things e film come Holidate, mentre Disney prevede di girarvi alcuni spettacoli come la nuova serie di Kristin Bell, Encore.

Dopo Netflix e Disney, anche AT & T ha minacciato di interrompere le riprese in Georgia se la legge sull'aborto entrerà in vigore nel gennaio 2020. WarnerMedia"riconsidererà la Georgia come sede di ogni nuova produzione". La dichiarazione aggiunge che WarnerMedia "lavorerà a stretto contatto con i nostri partner e talenti di produzione per determinare come e dove riprendere qualsiasi progetto".

NBCUniversal, AMC, Sony, Viacom e CBS hanno offerto una dichiarazione simile ieri, affermando rispettivamente che la legge sull'aborto della Georgia avrebbe "Un impatto significativo sul nostro processo decisionale", inducendoli a "Rivalutare la nostra attività", "Considerare le nostre future opzioni di produzione"; "Valutare se continueremo a produrre progetti in Georgia"; o decidere se "Questi potrebbero non essere luoghi praticabili per la nostra produzione futura".

Cosa ne pensate di questa difficile faccenda? Fatecelo sapere in un commento sulla nostra pagina Facebook!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  

Ti consigliamo anche...

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.