Il Fantasma dell'Opera: presto la nuova Serie TV dai Produttori di Narcos

Il Fantasma dell'Opera: presto la nuova Serie TV dai Produttori di Narcos

Scritto da:  - 

Gaumont, la casa di produzione francese dietro alle serie Netflix di Narcos, adatterà per la televisione Il fantasma dell’Opera, il celebre romanzo gotico di Gaston Leroux.

Il progetto, descritto come una miniserie, sarà scritto da Anthony Horowitz, sceneggiatore televisivo e autore letterario, e sarà supervisionato dal ramo britannico di Gaumont.

Il celebre romanzo gotico ha ispirato la fantasia di grandi interpreti, di pagine nutrite da descrizioni minuziose, vibranti, nella Parigi del 1880, dove il popolo crede che il Teatro dell'Opera sia infestato da un'entità sconosciuta. Accurate, infatti, risultano le descrizioni delle sale, dei palchi, delle dinamiche del teatro e di molti altri particolari, aneddoti anche basati su fatti reali. Si aggiungono, le descrizioni dei labirintici cunicoli e delle molteplici botole presenti nel teatro parigino: in questo Erik, il fantasma, signore delle botole, e degli angoli più oscuri del teatro, è un genuino precursore di tutte quelle figure che si sono mossi nell'ombra da lì in poi, come per esempio Batman.

Alla base della miniserie non ci sarà il musical di Andrew Lloyd Webber, ma proprio il romanzo originale di Leroux. Tra gli adattamenti più celebri ricordiamo il film muto del 1925, interpretato da Lon Chaney, la versione di Dario Argento e Il Fantasma del Palcoscenico, versione rivista diretta da Brian De Palma nel 1974.

Non ci sono ancora notizie riguardanti il cast, mentre alla scrittura della serie troveremo Andrew Horowitz (Foyle’s War), che ha scritto la serie di romanzi incentrati sulla giovane spia Alex Rider. Da quest’ultima è stata tratta una serie di spionaggio per Amazon Prime, prevista per quest’anno. Inoltre, Horowitz ha scritto The Magpie Murders, un giallo che contribuirà ad adattare per il grande schermo. 

In attesa di nuove notizie al riguardo, vi invitiamo a seguirci e commentare le nostre pagine Facebook Instagram e Twitter.

Fonte: Deadline

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.