Star Trek: Picard - Trama, Cast e molte altre Informazioni sulla Serie TV di prossima Uscita

Star Trek: Picard - Trama, Cast e molte altre Informazioni sulla Serie TV di prossima Uscita

Scritto da:  - 

Non c'è momento migliore per noi fan di Star Trek: siamo letteralmente sommersi da nuovo materiale legato alla nostra serie fantascientifica preferita. Ci stiamo preparando all'arrivo della terza stagione di Star Trek: Discovery, seguita dalla serie animata Star Trek: Lower Decks e, come se non bastasse, debutteranno anche altri due spettacoli di Star Trek non ancora annunciati. Ma non prendiamoci in giro, l'emozione più grande l'avremo tra soli 4 giorni: una vera icona della Flotta Stellare sta per tornare in azione nel nuovo show Star Trek: Picard.

Il Capitano Jean-Luc Picard, interpretato da Patrick Stewart, è senza dubbio il comandante definitivo della storia di Star Trek. Un uomo riflessivo e capace di mantenere la calma anche sotto pressione, salvando la galassia in numerose occasioni. Star Trek: Picard riparte con Jean-Luc circa due decenni dopo gli eventi di Star Trek: Nemesis (2002), e presenterà un Picard in pensione che si farà avanti per aiutare una misteriosa giovane donna in pericolo. Come accennato in diversi articoli, il nostro Capitano incontrerà anche alcuni volti familiari del suo passato di The Next Generation.

A parte gli eventi del finale di The Next Generation, Star Trek: Picard segnerà la prima volta in cui vedremo il futuro post-Nemesis dell'universo di Star Trek. La serie unifica anche le trame di J.J. Abrams del 2009 e l'era di The Next Generation, ma, cosa ancora più importante, riporta il sempre brillante Sir Patrick Stewart all'ovile per fargli vivere nuove avventure.

In questo articolo vogliamo riassumere tutto ciò che dovete sapere su Star Trek: Picard prima del suo imminente debutto.

Star Trek: Picard - Trama, Cast e molte altre Informazioni sulla Serie TV di prossima Uscita

Data di debutto

Come avevamo già annunciato qui, il nostro Jean-Luc tornerà il 23 gennaio. Come con Star Trek: Discovery, i fan dovrebbero aspettarsi che gli episodi della prima stagione siano disponibili settimanalmente, in Italia entro 24 ore dal loro debutto negli Stati Uniti. Questa volta, tuttavia, gli episodi si troveranno in un posto diverso: mentre Star Trek: Discovery era ospitato da Netflix, Star Trek: Picard sarà disponibile in streaming su Amazon Prime Video.

Cast e scrittori

  • Direttori: Hanelle M. Culpepper, Jonathan Frakes, Maja Vrvilo
  • Scrittori: Michael Chabon, Alex Kurtzman
  • Cast: Patrick Stewart, Santiago Cabrera, Isa Briones, Michelle Hurd, Alison Pill, Harry Treadaway, Evan Evagora, Rebecca Wisocky, Brent Spiner, Jonathan Frakes, Marina Sirtis, Jeri Ryan, Jonathan Del Arco

Cast...Di nuovo

È il primo programma TV di Star Trek a prendere il nome di un personaggio piuttosto che quello di una nave, quindi non potremmo avere un cast di Star Trek: Picard senza Sir Patrick Stewart.
Inizialmente riluttante a tornare al ruolo che lo ha trasformato in una star, Stewart è stato conquistato dal progetto dei produttori: "Ho accettato un incontro con le persone che avrebbero prodotto questa nuova versione di Star Trek solo perché volevo spiegare loro seriamente e rispettosamente perché stavo rifiutando il lavoro, Ho sentito abbastanza per capire che era qualcosa di molto insolito e sono rimasto incuriosito. Ho fatto molte domande e le risposte sono state tutte molto soddisfacenti".

Oltre a Stewart, nel cast di Star Trek: Picard troveremo:

  • Santiago Cabrera nei panni dell'ex pilota della Flotta Stellare Christobal "Chris" Rios. Stando alle ultime notizie, è scettico riguardo al lavorare con Picard;
  • Michelle Hurd nei panni di Raffi Musiker. Forse la sua voce potrebbe essere quella presente nel primo trailer, che afferma che Picard potrebbe "portandoci fuori dall'oscurità";
  • La nuova arrivata Isa Briones nei panni di Dahj;
  • Devs e Scott Pilgrim;
  • Un altro nuovo arrivato, Evan Evagora, nei panni di Elnor, un giovane guerriero romulano fedele a Picard.
  • Harry Treadaway di Penny Dreadful nei panni di un misterioso Romulano di nome Narek.

Ma, a parte la presenza dello stesso Jean-Luc, i fan saranno più entusiasti del ritorno di diversi personaggi di The Next Generation. Brent Spiner (di cui parleremo tra poco) è tornato nei panni di Data e ha detto che "non c'era modo" che potesse rifiutare di lavorare di nuovo con Stewart.

A ritornare ci saranno anche Jonathan Frakes e Marina Sirtis nei panni del capitano Will Riker e del consigliere Deanna Troi che, dopo anni di negazione del reciproco affetto nello show, si sposarono in Star Trek: Nemesis. La cosa divertente è che Frakes è stato così impegnato nella regia per un paio di episodi di Star Trek: Picard (ne avevamo parlato qui) che ha confessato che si era dimenticato di come recitare: "Non recitavo da molto, molto, molto tempo. Non vestivo i panni di Riker da 18 anni e sono stato molto fortunato ad essere impegnato nella regia. Ho avuto un grave attacco d'ansia perché, per qualsiasi motivo, mi ero dimenticato di come recitare. Non ho avuto una bella faccia per diverse ore. Poi mi sono dato una svegliata e ho fatto bene il mio lavoro".

Il cast di Star Trek: Picard riporta anche un paio di Borg: Jonathan Del Arco, che ha interpretato Hugh in tre episodi di Star Trek: The Next Generation, e Jeri Ryan, presente in Star Trek: Voyager nei panni di Sette di Nove.

Nessuna notizia ancora sul fatto che LeVar Burton, Wil Wheaton e Gates McFadden riprendano i loro ruoli come Geordi LaForge, Wesley Crusher e Dr Beverly Crusher (l'interesse amoroso non corrisposto a lungo termine di Picard).

Ma forse la cosa più importante che dovete sapere su Star Trek: Picard è che, come si vede nei trailer e nel poster, il suo cane si chiama "Numero Uno". Non potremmo pensare a qualcosa di più perfetto!

Star Trek: Picard - Trama, Cast e molte altre Informazioni sulla Serie TV di prossima Uscita

Parliamo del trailer

Avevamo condiviso con voi due trailer di Star Trek: Picard, uno dei quali ha debuttato al Comic-Con 2019 di San Diego e, oltre a fornire molti più indizi sulla serie tanto attesa, è uno degli scherzi più fan-friendly che abbiamo mai visto...e pieno di prelibatezze per i fan della serie.

Sì, ci sono i vigneti, ma anche molte scene nello spazio e accenni ai temi che domineranno la serie. La difficile situazione dei Romulani continua chiaramente a fare la sua parte, ma vediamo anche che la morte del tenente comandante Data, un atto di sacrificio per salvare la vita di Picard in Star Trek: Nemesis, sta ancora pesando molto nella mente del Capitano. 

Abbiamo anche dato una prima occhiata a numerosi nuovi personaggi, astronavi e rivisto un paio di volti familiari: Data (speculeremo sulla sua identità di seguito) e Sette di Nove.

In termini di trama, l'indizio più importante sembra essere l'esistenza di una giovane donna (interpretata dalla nuova arrivata Isa Briones) che chiede aiuto a Jean-Luc. Descritta come "la distruttrice, la fine di tutto" da un altro personaggio, sembra che il suo destino si intreccerà con quello di Picard. "È venuta da me in cerca di aiuto. Se è chi penso che sia, è in serio pericolo".

Quanti brividi avete avuto sentendo Jean-Luc Picard dire "Engage!" per la prima volta in quasi due decenni?

Trama e teorie

Grazie al trailer ora sappiamo che la trama di Star Trek: Picard riprende dopo circa 15 anni dalla distruzione di Romulus in Star Trek (2009). Detto questo, sono passati 22 anni da Star Trek: Nemesis, cosa che non coincide con l'affermazione di Picard secondo cui Data è morto "quasi due decenni fa"...Beh, siamo sicuri che la discrepanza verrà spiegata in seguito...

Sebbene lo spettacolo riprenda la storia di Jean-Luc Picard, tuttavia, lo show non è sicuramente un sequel diretto del precedente The Next Generation. Mentre la maggior parte degli episodi della serie classica erano effettivamente storie autonome, Star Trek: Picard avrà un arco narrativo più ampio.

"Volevamo chiaramente non fare un sequel di Next Gen", ha dichiarato il produttore esecutivo Akiva Goldsman. "Dal punto di vista del tono è un po' un ibrido: è più lento, più gentile, più lirico e certamente più basato sul personaggio".
"Non solo Patrick non voleva fare ciò che aveva fatto nella serie originale, ma anche noi non volevamo fare ciò che abbiamo fatto per Discovery", ha aggiunto la collega Heather Kadin. "Riteniamo che il mondo che abbiamo dipinto lì sia molto specifico e unico. Questa è tutta un'altra cosa, più lirica, più radicata"

Dall'ultima volta che abbiamo visto Jean-Luc alla fine di Nemesis, è stato promosso al grado di ammiraglio, ha condotto una missione (fallita) per salvare Romulus ed è chiaramente venerato in tutta la galassia: il trailer mostra uno stendardo per un "Picard Day”, mentre una donna vulcaniana o romulana non identificata gli dice: “A volte mi preoccupo che tu abbia dimenticato chi sei. Ma noi no".

Successivamente si è ritirato nel vigneto di famiglia. Da quello che sappiamo, tuttavia, è sicuro supporre che non sia particolarmente felice lì. Fin da bambino aspirava a fuggire dalla Terra e si sentiva sempre a suo agio a volare nello spazio su un'astronave. E nonostante il legame familiare, la vigna non è necessariamente un luogo pieno di bei ricordi. Per molti anni è stata gestita dal suo defunto fratello Robert. La morte di Robert in un incidente agricolo (insieme all'amato nipote René) è un punto chiave della trama in Star Trek, poiché Jean-Luc mette in dubbio la sua decisione di mettere la sua carriera davanti alla famiglia. "In questi ultimi anni ho davvero cercato di appartenere a questo posto", dice nel trailer di Star Trek: Picard, "ma non mi sono mai sentito veramente a casa".

È anche chiaro che la distruzione di Romulus è importante. "La vita di Picard è radicalmente cambiata dallo scioglimento dell'Impero Romulano", ha detto Kurtzman. Ma forse non ci sorprende, visto che ha avuto molti scontri importanti con loro durante il suo periodo nell'USS Enterprise. Inutile dire che Picard è un uomo cambiato dopo il fallimento della sua missione 15 anni prima.

"Ci sono molte cose che tormentano Picard", ha continuato Alex Kurtzman. “Ma è stato estremamente importante per noi rimanere fedeli al personaggio di Picard. Non vedrete una versione che tradisca l'uomo che amavamo in The Next Generation. Non lo stiamo facendo. Ma volevamo mettere un personaggio con quel livello di moralità e leadership e che fa sempre la cosa giusta, non importa quanto siano difficili le circostanze...volevamo metterlo alla prova”.

"È molto più vecchio, non lo neghiamo", ha aggiunto Michael Chabon. "Abbiamo a che fare con un uomo che si trova in un periodo molto diverso della sua vita, rispetto a prima".

Sembra che l'arrivo di Dahj, la misteriosa giovane donna introdotta nel trailer di Star Trek: Picard, trascinerà Jean-Luc nello spazio. È chiaro che è istintivamente attratto dall'aiutarla, infatti lo vediamo parlare con un ammiraglio della Flotta Stellare, presumibilmente chiedendo la sua assistenza. Ma il fatto che vediamo Picard avventurarsi nello spazio con un equipaggio che non indossa uniformi riconoscibili, su una nave che ha un'atmosfera molto "non federativa", ci fa pensare che l'aiuto della Flotta Stellare non sarà imminente, e che quindi Jean-Luc dovrà prendere in mano la situazione.

"Poiché non è più nella Flotta Stellare, non ha più il peso di quello che ha alle spalle", ha spiegato Kurtzman. "In un certo senso, è più facile essere un grande uomo quando sei un capitano. Ma è una cosa completamente diversa quando non hai un esercito dietro di te. Quando vuoi fare qualcosa e combattere un'ingiustizia, come puoi farlo se sei da solo?".

La domanda è: perché Dahj è così importante? Brevi scorci del suo combattimento in Star Trek: Picard suggerisce che ha una forza e una velocità sovrumana, ma perché un uomo (probabilmente) romulano la descrive come "la distruttrice"?

Potrebbero esserci degli indizi sulla presenza dei Borg nel trailer di Star Trek: Picard. Sembra che i Romulani stiano sperimentando su di essi, i cui impianti cibernetici sono stati rimossi. Anche l'interno della nave dei Romulani ha un aspetto piuttosto borghese, con guardie armate romulane e un cartello simile a una fabbrica che vanta che "questa struttura ha superato 5843 giorni senza danni".

È una teoria comune, su internet, che i sopravvissuti dell'Impero Romulano abbiano catturato una nave Borg (quella vista nel trailer) e stiano tentando di sfruttare la tecnologia dei cyborg. I loro esperimenti potrebbero aver portato alla creazione di Dahj, spiegando in questo modo perché sono così preoccupati che lei sia in libertà.

Potrebbe anche spiegare perché vediamo Picard parlare con l'ex membro dell'equipaggio di Star Trek: Voyager Sette di Nove. L'ex Borg, che non aveva mai incontrato Picard in precedenza, sarebbe chiaramente un'utile fonte di informazioni sulla loro tecnologia e abilità. È interessante notare che la performance di Jeri Ryan è molto più rilassata e informale qui di quanto non fosse su Voyager. Che i 20 anni passati sulla Terra abbiano permesso alla parte umana di Sette di venir fuori?

Star Trek: Picard - Trama, Cast e molte altre Informazioni sulla Serie TV di prossima Uscita

Ma forse la cosa più intrigante per i fan è il ritorno di Brent Spiner nei panni dell'adorato Data. Il comandante Data fu sicuramente vaporizzato quando si sacrificò per salvare Picard alla fine di Nemesis, quando la nave di Shinzon è esplosa. Sì, l'androide smontato che vediamo nel trailer assomiglia a Data e presenta un po' di danni sulla schiena, ma non è sicuramente messo così male come sarebbe se fosse stato coinvolto in una massiccia esplosione di astronavi!

Molto più probabile è che si tratti effettivamente di B-4, un prototipo precedente e meno sofisticato creato dal dott. Noonian Soong. Dopo che l'Enterprise lo ha scoperto su Kolarus III in Star Trek: Nemesis, Data ha caricato i contenuti del suo cervello positronico nel suo "fratello" più anziano, nel tentativo di farlo funzionare meglio. Quindi è concepibile che Data viva all'interno del suo fratello maggiore.

È chiaro che la morte di Data sta ancora pesando molto su Picard e parlare con B-4 può aiutarlo a superare il suo dolore. Quindi è probabile che l'androide che vediamo sia B-4, ma pare che Data sopravviva attraverso di lui. Ciò potrebbe essere stato confermato da Brent Spiner: "Sono lieto di far parte dello spettacolo, tutto ciò che sono è parte dello spettacolo", ha detto. "Voglio renderlo semi-chiaro, perché non voglio parlare troppo, che non sono sempre presente nella serie. Data è morto alla fine di Nemesis. Ma io sono nello show. Faccio delle comparse. La storia di Data fa parte del filo conduttore dello spettacolo".

Esiste anche una potenziale connessione tra Data/B-4 e Borg. Jonathan Del Arco è tornato nei panni di Hugh, un Borg che ha portato il concetto di individualità dopo aver trascorso del tempo con l'equipaggio dell'Enterprise.

"Posso confermare di essere ancora Borg e di essere una versione umana sviluppata, rispetto all'ultima volta in cui ho visto Picard, quando eravamo bloccati su un pianeta e Lore è stato ucciso", ha detto Del Arco. "Mentre stanno lasciando il pianeta dico: 'Cosa faremo ora? Non abbiamo un leader' e Picard dice: "Non penso sia vero'. L'implicazione è che in The Next Generation finisco in questa colonia di Borg e tutto ciò che posso dire è che le sue capacità di leadership sono migliorate ulteriormente".

La seconda stagione

Vi avevamo accennato qui che Star Trek: Picard è stata rinnovata per una seconda stagione ancor prima del debutto della prima. Promettente, eh? 

"L'energia e l'entusiasmo per la premiere di Star Trek: Picard ha raggiunto una grandezza superiore a quella che tutti noi di CBS All Access avremmo mai potuto sperare", ha dichiarato Julie McNamara, vicepresidente esecutivo di CBS All Access. “Siamo entusiasti di annunciare la conferma per una seconda stagione prima del debutto della serie e siamo fiduciosi che i fan di Star Trek e i nuovi spettatori saranno catturati dal cast stellare e dalla trama meticolosamente elaborata del team creativo quando sarà presentato in anteprima il 23 gennaio”.

Secondo alcune notizie, la seconda stagione ha già ricevuto 20,45 milioni di dollari in incentivi, il massimo che qualsiasi progetto del piccolo schermo abbia mai ricevuto. Fonti hanno riferito che la stagione 2 potrebbe iniziare la produzione già nella primavera del 2020.

Ma non è finita qui...

Insomma, che rivedremo Data l'abbiamo capito ma...Quali sono gli antefatti? 

Prima di accettare il lavoro, Spiner era stato scettico sull'idea di tornare a vestire i panni di Data. Ciò è stato in parte dovuto al fatto che, come essere umano, sta invecchiando a un ritmo più veloce rispetto a quello dell'androide. Tornare a recitare in quel ruolo potrebbe superare i confini della credibilità. Ma alla fine è tornato, e questo grazie alle nuove tecnologie anti-invecchiamento impiegate soprattutto nei film Marvel e Star Wars.

"Ovviamente ero riluttante a riprendere di nuovo questo ruolo, sono un po' invecchiato e non sapevo se potesse essere credibile, dato che dovrei essere un androide", ha dichiarato Spiner. "Ma sono stati molto convincenti e, sai, la tecnologia ha fatto molta strada dai tempi in cui dicevo che non l'avrei mai più fatto".

Spiner ha anche raccontato di quanto sia stato surreale sedersi di nuovo al fianco di Stewart, come in The Next Generation, per la prima volta dopo oltre 25 anni. "Seduto di fronte a Patrick, è stata la prima grande emozione della serie", dice. "E ci siamo guardati l'un l'altro e abbiamo detto: 'Wow, questo è bizzarro', perché vedo sempre Patrick e in realtà non ero seduto di fronte a Patrick, ero seduto di fronte al Capitano Picard. E lui stava guardando Data, cosa che non facevamo da molto tempo. Quindi è stato speciale".

Star Trek: Picard - Trama, Cast e molte altre Informazioni sulla Serie TV di prossima Uscita

Vi siete emozionati?

No, perché noi siamo letteralmente commossi. Siamo commossi da questo grande entusiasmo della crew, dalle alte aspettative che ci hanno creato e dal poter rivedere, dopo vent'anni, il nostro Capitano.

Mancano solo 4 giorni e li passeremo facendo il conto alla rovescia!
Ci rivedremo a breve, Capitano Picard.

Per non perdere le ultime novità, segui la nostra pagina Facebook!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.