Star Trek: Picard - Recensione del 1° Episodio della tanto attesa Serie TV targata CBS

Star Trek: Picard - Recensione del 1° Episodio della tanto attesa Serie TV targata CBS

Scritto da:  - 

Dopo una lunga ed estenuante attesa, nella quale siamo stati deliziati di volta in volta da teaser, trailer e curiosità, finalmente è arrivato il momento di immergersi di nuovo nel fantastico mondo di Star Trek, accompagnati ancora una volta dal più iconico dei capitani dell'intero franchise. Stiamo parlando ovviamente di Jean-Luc Picard, personaggio diventato iconico col tempo, al punto da dedicargli un intero show chiamato Star Trek: Picard.

Come abbiamo già spiegato in questo articolo, in cui abbiamo raccolto tutte le informazioni su questo nuovo show, Star Trek: Picard inizia 20 anni dopo i fatti narrati nel film Star Trek: La Nemesi. Lo show unifica anche l'universo reboot creato con i film di J.J. Abrams dal 2009 in poi

Star Trek: Picard - Recensione della tanto attesa Serie TV targata CBS

Di cosa tratta questa nuova serie tv?

Lo show è ovviamente incentrato su Picard, ormai in pensione, che vive nella sua tenuta in compagnia del suo fido Numero Uno.

Quando una ragazza misteriosa si presenterà alla sua porta, il protagonista capirà di non poter più stare con le mani in mano, e cercherà di aiutarla ad ogni costo.

Questo primo episodio, soprattutto nei primi minuti, fa luce su alcuni dei fatti storici intercorsi nei circa 20 anni di vuoto tra il film Nemesi e il presente. 

Scopriamo importanti tasselli che collegano il mondo di Star Trek creato da Abrams a quello classico e veniamo a conoscenza di grandi imprese compiute dal protagonista, grazie al quale molte vite sono state salvate. 

Se volete saperne di più riguardo questa parte, prima di iniziare la visione della nuova serie tv, vi rimandiamo all'articolo in cui ne abbiamo parlato (attenzione, contiene molti spoiler).

Star Trek: Picard - Recensione della tanto attesa Serie TV targata CBS

Picard

Il personaggio che possiamo vedere in questo primo episodio non è cambiato per niente dal punto di vista caratteriale. Conserva la profonda umanità che lo ha sempre contraddistinto, il desiderio di aiutare le persone in difficoltà, che siano amici o nemici. 

Vediamo, però, anche tanta rabbia. Rabbia e delusione nei confronti della Federazione e della flotta stellare, un'istituzione che è andata contro gli obblighi cui si era sempre giurato di obbedire; "una Federazione che non era più la stessa che aveva servito per tanti anni" dice proprio Picard. Proprio per questo motivo l'ammiraglio decide di rassegnare le dimissioni dalla flotta stellare.

La svolta

Ciò che riesce a smuovere l'animo di Picard, ormai intorpidito dalla vecchiaia è proprio la ragazza che si presenta a casa sua. Un personaggio dal quale, nel corso della puntata, riusciamo a togliere il velo di mistero. Creato ad hoc per far luce su alcuni fatti avvenuti negli ultimi venti anni.

Impressioni

Questa prima puntata è particolarmente impostata sullo stile classico. Le sottotrame che vengono proposte arrivano a conclusione nella puntata stessa, dando luogo alla trama principale. 

L’interpretazione dei pochi personaggi introdotti finora è stata sublime, con un occhio sempre puntato su Patrick Stewart.

Possiamo ritenerci particolarmente soddisfatti di questo piccolo assaggio di Star Trek: Picard, e siamo speranzosi che questo nuovo show targato CBS possa diventare ancora più grande.

Il primo episodio di Star Trek: Picard è un emozionante viaggio nel viale dei ricordi, che ci fa pensare con nostalgia i tempi di The Next Generation.

Per ora, la nuova serie tv targata CBS sa tener fede alla classicità dell'universo di Star Trek pur cercando di adattarsi alle nuove generazioni. I propositi sono piuttosto buoni.

madforseries.it

4,5
su 5,0

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.