SKAM Italia: la Recensione della 5° Stagione - Tra un Plauso e uno Scivolone

SKAM Italia: la Recensione della 5° Stagione - Tra un Plauso e uno Scivolone

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

La quinta stagione di SKAM Italia è approdata da poco più una settimana su Netflix Italia conquistandosi la prima posizione del podio degli ascolti. Perché? I motivi sono tre:

  1. L’affezionatissimo pubblico di SKAM Italia è molto ampio e questo è logico dato il fatto che restituisce ai suoi spettatori il sapore di casa con caldi bastoncini di zucchero natalizi;
  2. Francesco Centorame è oggettivamente un ragazzo carino e che desta interesse
  3. La conferenza stampa in cui la produzione ha rivelato la tematica su cui si sarebbe; incentrata la stagione ha inevitabilmente suscitato curiosità.

Il tema

Come già rivelato e come presente ormai dai giorni su social media e riviste, stavolta la questione per cui provare vergogna (skam) è stata individuata nell'ipoplasia peniena, spiegando come mai, nei capitoli precedenti, Elia (Centorame) non si sia mai legato a nessuno, lasciando che alcuni pensassero che fosse un Don Giovanni e altri (Martino) che non volesse dichiarare di essere omosessuale.

Il percorso di accettazione di questa condizione da parte del protagonista è rappresentato in modo ottimale, con passaggi chiari e scanditi e lasciando spazio a commoventi frame collettivi e individuali in cui si parla del tema con molta delicatezza.

Francesco Centorame si barcamena magistralmente in questo ruolo che sfugge ai tentacoli della mascolinità tossica e che rende per un adolescente, la vita al liceo (fatta di partite di calcio con conseguenti docce negli spogliatoi e conversazioni con gli amici a sfondo sessuale) più difficile di quanto già non sia.

Skam Italia 5 - La Recensione: Tra un plauso e uno scivolone

Il resto del cast

I nuovi personaggi, le ragazze del collettivo, sono perfettamente in pendant con la serie; per di più, i maglioni oversize, le acconciature trasandate e il make-up acqua e sapone rendono il tutto ancora più realistico.

Stella di punta femminile della serie è Viola (Lea Gavino), alla sua prima apparizione sul piccolo schermo, grazie a cui porta a casa una performance dolce, rassicurante e perfettamente in linea con il tono dello show. 

Ergo, va bene dar spazio ai nuovi volti, ma i veterani della serie? 

Va bene le prove del gruppo, ma qualche conversazioncina in più tra amichetti?

Giovanni, Luchino, Martino e Niccolò si son visti poco. È vero che questa è la stagione di Elia ma diversamente dalle altre volte, si è notato un immenso divario tra primo attore e resto del cast. Per non parlare delle ragazze (Eva, Sana, Federica e Silvia, qualcuno paghi un biglietto aereo ad Eleonora), a cui sarebbe stato più ragionevole ed economico dire di non presentarsi in camerino.

Skam Italia 5 - La Recensione: Tra un plauso e uno scivolone

Una trovata sbagliata

Spera. Lo psicologo della scuola. Ma davvero ce n’era bisogno? In un Paese come l'Italia, per di più, in cui lo psicologo di base arriverà in ogni regione tra circa cinquant'anni?!

E poi, neanche lo facciamo apparire in trenta secondi di episodio Massimo Reale per dargli la possibilità di difendersi o, peggio, di affossarsi con le sue stesse mani?

Se SKAM Italia ha sempre avuto un pregio, è stato quello di trattare ogni volta, qualsiasi argomento scivoloso in maniera eccellente; al contrario, è stata proprio SKAM a scivolare questa volta: la maniera in cui si è scelto di affrontare le questioni della violenza e dell’abuso di potere è stata molto goffa, con basi scarne e mal costruita.

Come sempre, le musiche scelte sono azzeccatissime e l’occhio da videoclip-maker di Tiziano Russo ha giocato un ruolo importante. Adorabili i riferimenti cinematografici, la scena del ping-pong alla Blow-Up e il bacio tra le banconote.

Nonostante alcuni frame incantevoli, un protagonista superbo e un bellissimo modo di affrontare il tema portante, è impossibile non tener conto dei gravi scivoloni di questa stagione di SKAM Italia

Bessegato, questa volta hai sbagliato. E non posso quantificare quanto io sia arrabbiata con te!

madforseries.it

2,5
su 5,0

Continua a leggere su Mad for Series
 
X

Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per "interazioni e funzionalità semplici", "miglioramento dell'esperienza", "misurazione" e "targeting e pubblicità" come specificato nella informativa sui cookie. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante "Accetta". Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Scopri di più