Recensione di Doctor Who 11x02: T.A.R.D.I.S. ci sei mancato!

Recensione di Doctor Who 11x02: T.A.R.D.I.S. ci sei mancato!

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Il primo episodio della nuova stagione di Doctor Who (che abbiamo recensito in questo articolo) ha ottenuto numeri di audience da capogiro. D’altronde l’attesa era stata molta, le aspettative veramente alte, e la curiosità per il nuovo dottore indescrivibile.

Il secondo episodio, intitolato “The Ghost Monument” ha saputo reggere botta ed è stato capace di intrattenere lo spettatore dall’inizio alla fine.

Rispetto al precedente, è stato decisamente più veloce e frenetico, capace di tenere incollato lo spettatore allo schermo dall’inizio alla fine. Solo una breve pausa (letteralmente), per raccontare in breve la storia dei due nuovi personaggi chiave.

Si riprende dal Dottore e i tre nuovi compagni catapultati nello spazio aperto e scopriamo immediatamente che sono stati salvati da Angstrom e Epzo, due alieni alle prese con una competizione intergalattica.
Lo scopo di questa gara è raggiungere il monumento fantasma, che scopriamo dopo poco essere il nostro amato T.A.R.D.I.S. desincronizzato nel tempo e nello spazio.

Trovo che Angstrom e Epzo siano stati caratterizzati molto bene, col poco tempo a disposizione. Nuovamente, è stato dato ampio spazio alla disprassia di Ryan, che inizio a pensare che avrà un ruolo importante nelle puntate a venire.

Anche il nonno di Ryan ha regalato piccole gioie in questa nuova storia, non facendo mancare di tanto in tanto un pizzico di umorismo in stile “dottoresco”.

Dei tre compagni, quello per il momento di gran lunga più inutile Yasmin, le cui battute sono veramente ridotte al minimo. Anche nel precedente episodio il suo ruolo era stato decisamente marginale e, in questo, se non fosse stato per il fascino dell’interprete (Mandip Gill), sarebbe passato molto probabilmente inosservato, in mezzo a tutta quell’azione.

Jodie Whittaker, invece, continua a non deludere (non che avessi dubbi), anche se sembra ancora in piena frenesia da rigenerazione...probabilmente sarebbe l’ora di fermarsi un momento e respirare.

La trama dell’episodio non mi è dispiaciuta, anche se inizio a notare una parziale mancanza di approfondimento, complice probabilmente il poco tempo a disposizione: un’ora è incredibilmente poca per Doctor Who, soprattutto se, come ci ha promesso Chibnall (nuovo showrunner della serie), si intende proseguire con trame di una sola puntata.

A fine puntata, riusciamo finalmente a vedere di nuovo l’amatissimo T.A.R.D.I.S.!

Il T.A.R.D.I.S. dell'undicesima stagione - Doctor Who

WOW...è l’unica parola che mi viene in mente per descriverlo: questa volta la crew si è impegnata veramente molto per decorarlo.
Erano già trapelati degli artwork e delle foto, ma vederlo “dal vivo” mi ha veramente fatto venire la pelle d’oca.

Abbiamo potuto vedere anche la nuova opening che, a dirla tutta, non mi ha fatto impazzire: un po’ troppo corta e probabilmente priva di significato.
Le ultime richiamavano molto le sigle della vecchia serie o ci intrattenevano con animazioni molto carine del T.A.R.D.I.S. a zonzo tra il tempo e lo spazio.

Che dire...una puntata non eccelsa ma che non delude, probabilmente carente di emozioni.
Sono veramente curioso di vedere la prossima, e non mancherò di far nottata per rilasciarne la recensione subito dopo.

Alla prossima settimana dunque, con la 11x03 di Doctor Who!

Intanto, gustatevi il promo:

 
X

Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per "interazioni e funzionalità semplici", "miglioramento dell'esperienza", "misurazione" e "targeting e pubblicità" come specificato nella informativa sui cookie. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante "Accetta". Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Scopri di più