Le Regole del Delitto Perfetto: Recensione dell'Episodio 6x11 (Ultima Stagione)

Le Regole del Delitto Perfetto: Recensione dell'Episodio 6x11 (Ultima Stagione)

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Nuovo episodio di How to Get Away with Murder, nuova recensione: questa volta parliamo della puntata 6x11. Per chi si fosse perso il nostro commento sul precedente episodio può trovarlo in questo articolo.

6x11: che succede?

Ebbene, ci eravamo lasciati con la professoressa Keating (Viola Davis) che veniva scovata in Messico da parte dell FBI, Connor (Jack Falahee) e Michela (Aja Naomi King) rilasciati dopo aver firmato un accordo (avranno fatto bene?) e una situazione molto tesa. 

All'inizio di questa 6x11, ci ritroviamo con una Annalise tornata a casa, accompagnata dalla sua fantastica mamma, che cerca di prendersene cura nonostante la demenza senile.

Le Regole del Delitto Perfetto: Recensione dell\'Episodio 6x11 (Ultima Stagione)

Nella puntata inoltre, assistiamo al confronto fra la professoressa e i suoi ragazzi, una battaglia fatta di tira e molla, per cercare di capire di chi fidarsi in un momento cosi delicato.

I giovani ragazzi infatti, dopo l'accordo firmato con l FBI, devo cercare di incastrare Annalise, che ovviamente sa tutto a riguardo e che, invece, cerca a sua volta vendetta per esser stata "venduta" all'FBI dai suoi allievi.

Nel corso della puntata, vediamo Teagan (Amirah Vann) riuscire a strappare ad Annalise il permesso di difenderla dalle accuse mosse dall'FBI, andando a formare insieme alla Keating, un duo di difesa eccezionale.
Connor, Michela e Oliver cercano invece di andare avanti dopo la scomparsa di Asher e, il ritrovamento di un video lasciatogli dall'amico scomparso, fa venir fuori tutte le emozioni accatastate durante questa brutta e lunga pagina della loro vita.

Frank (Charlie Weber) e Bonnie (Liza Weil) si schierano dalla parte della Keating, andando a ristabilire quel trio consolidato negli anni. Mentre Nate (Billy Brown), dopo aver ricevuto una visita da parte di mamma Keating, viene sospettato di aver passato all'FBI informazioni delicate su Annalise per incastrarla.

La puntata comunque, risulta incentrata sullo scoprire il vero assassino di Asher (Matt McGorry) e, nel corso della puntata grazie alla memoria e al'intuito di Gabriel (Rome Flynn, qui sotto in foto), si scopre chi è il vero colpevole.

Le Regole del Delitto Perfetto: Recensione dell\'Episodio 6x11 (Ultima Stagione)

Riflessioni a caldo

In questa puntata dunque, andiamo a notare un ristabilirsi dei ruoli dei vari personaggi. Dopo aver assistito, nella scorsa puntata, alla scelta davvero insolita di Annalise di scappare da questa situazione, nella 6x11 troviamo una professoressa costretta a tornare, ma che è pronta a combattere con le unghie e con i denti per la sua libertà.

Un episodio in cui si creano le basi per quello che si preannuncia essere lo scontro finale (ricordiamo che questa sarà l'ultima stagione dello show). Chi avrà la meglio tra l'FBI, che cerca di incastrare con ogni mezzo i nostri protagonisti, e quest'ultimi che probabilmente torneranno a far fronte comune contro le accuse?

Puntata molto più energica e intrigante rispetto alla precedente, che pone le basi per lo scontro in arrivo, andando a svelare i primi misteri e sbrogliando pian piano la trama, in primis risolvendo il mistero dell'assassinio di Asher. 

L'episodio 6x11 de Le Regole del Delitto Perfetto è decisamente più intrigante ed energico rispetto al precedente, e crea delle solite basi per il finale della serie tv.

Finalmente viene svelata la verità riguardo alcuni importanti misteri.

madforseries.it

4,0
su 5,0

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.