Insiders: quando il confine con le Serie TV è labile. La Recensione del primo Reality Show Spagnolo di Netflix

Insiders: quando il confine con le Serie TV è labile. La Recensione del primo Reality Show Spagnolo di Netflix

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

I reality show e i programmi d’intrattenimento sono da moltissimi anni una fonte di guadagno e attenzione mediatica in diversi paesi del mondo. Costituiscono una vera e propria industria televisiva, dai programmi di cucina come MasterChef, ai programmi misti come Cortesie per gli ospiti, ai programmi di canto e danza come Amici e X Factor; a quelli per coppie come Uomini e Donne e Temptation Island, a quelli che parlano di famiglie molto note come Keeping Up with the Kardashians, per finire con il capostipite di tutti i reality show: il Grande Fratello.

La patria europea dei programmi di intrattenimento televisivo insieme all'Italia è senza dubbio la Spagna. E dallo scorso anno è stato pubblicato su Netflix il primo reality show spagnolo: Insiders, creato da Jose Velasco e Equipo Creativo iZen.

Fin dai primi minuti dello show non è ben chiaro se si tratti di una serie TV o di un reality show e il primo degli elementi che può mettere in crisi da questo punto di vista lo spettatore, sono i fuori campo di Najwa Nimri la quale funge da vero e proprio maestro di cermionia.

Najwa Nimri è un'attrice, cantautrice e conduttrice televisiva spagnola, nota al grande pubblico netflixiano per i ruoli di Zulema Zahir in Vis a vis - il Prezzo del Riscatto e in Vis a vis - L'Oasis e di Alicia Sierra ne La Casa di Carta. Nimiri ha preso parte anche a numerosi progetti cinematografici come Utopía di María Ripoll, Agents secrets di Frédéric Schoendoerffer e L'albero del sangue di Julio Medem. La Nimiri è vincitrice di cinque premi Goya, un Fotogramma d'argento e di molti altri onori. 

Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo
Immagine secondaria dell'articolo

Premi sull'immagine per ingrandirla.

L'approdo di Insiders è stato anticipato da tante promesse che facevano presagire si sarebbe trattato di una vera e propria rivoluzione dei reality show, quasi come a voler riesumare la magia del primo Grande Fratello. Per fare ciò, sono stati utilizzati per l'appunto due elementi chiave; il primo di questi è che i concorrenti non sono a conoscenza di essere ripresi h24 ma come è stato loro detto dallo staff del reality, sono ancora in fase di selezione. 

Insiders: Recensione del primo reality show spagnolo su Netflix

Nel corso di altri reality show era già successo che alcune persone non sapessero di essere state già selezionate per far parte del programma (elemento di finzione anche questo, probabilmente) ma non era mai accaduta la medesima cosa per tutti i partecipanti. Questo (ammesso che sia legale) rende il pubblico da casa un divertito spione ancor più del solito.

Il secondo elemento è, come già detto prima, il ruolo celato nell'ombra ricoperto dalla Nimri la quale abbigliata stile Matrix 2021, si prende gioco dei ragazzi all'interno della casa e, a quanto sembra, anche degli spettatori. La sua maestria attoriale è tale da risultare credibile in qualsiasi ruolo che sia esso ben scritto e studiato o no. Tuttavia, dal punto di vista strutturale, dopo un paio di puntate, questo ruolo risulta ampolloso e poco utile. Una voce fuori campo con un effetto delle luci chiaro scuro lungo tutti gli episodi e la comparsa del volto della Nimri per intero soltanto alla fine del penultimo episodio sarebbe stato molto più efficace.

Per quanto riguarda i concorrenti, stranamente ci si affeziona ugualmente ad essi. I frame, gli episodi e i giorni all'interno della casa sono infatti di un numero talmente esiguo da non permettere davvero la fuoriuscita della melma, delle ostilità, della passione e della verità così ben attese.

Insiders: Recensione del primo reality show spagnolo su Netflix

In verità, quest’ultima cosa potrebbe essere un particolare positivo per gran parte del pubblico vecchio stampo dei reality show, ormai stanco che questi siano caratterizzati da una smisurata dose di elementi cringe e trash tanto da risultare noiosi, banali e gonfiati. Al contrario, nel caso di Insiders l’atmosfera pacata si alterna con picchi più ritmati ed eccitanti equidistanti fra loro.

Insiders: Recensione del primo reality show spagnolo su Netflix

Tutto ciò funziona, tutto ciò intrattiene ma, in fin dei conti, tutto l'hype promesso e agognato, finisce per sgonfiarsi come un palloncino alla fine di un compleanno. Insiders infatti, si lascia guardare ma senza far trattenere nemmeno per un secondo il fiato al suo pubblico. Ciò potrebbe essere spiegato con l'intento da parte dei creatori di un semplice esperimento antropologico ma non bisogna dimenticare che si tratta di un reality show, il cui principale dovere è quello di divertire, emozionare, infastidire, appassionare.

Insiders ha portato elementi di innovazione a cui non ha saputo rendere giustizia. 

La presenza di Najwa Nimri e di alcuni concorrenti simpatici rende la valutazione di questo prodotto leggermente più gentile.

madforseries.it

2,5
su 5,0

 
X

Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per "interazioni e funzionalità semplici", "miglioramento dell'esperienza", "misurazione" e "targeting e pubblicità" come specificato nella informativa sui cookie. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante "Accetta". Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Scopri di più