La Regina degli Scacchi: Prosegue la Causa contro la Serie TV di Netflix

La Regina degli Scacchi: Prosegue la Causa contro la Serie TV di Netflix

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

La causa contro la serie limitata di NetflixLa Regina degli Scacchi prosegue. A quanto pare, un giudice avrebbe rifiutato di archiviare una causa intentata da Nona Gaprindashvili, un'ex maestra di scacchi dell'Unione Sovietica degli anni '60, che accusa la serie di diffamazione.

La causa è dovuta a un riferimento a Gaprindashvili nella serie, con una scena ambientata nel 1968 che affermava falsamente di non aver "mai affrontato uomini" durante gli eventi di scacchi. Gaprindashvili ha contestato ciò, rivelando di aver affrontato 59 concorrenti maschi, e ha ritenuto il commento "grossolanamente sessista e sminutivo".

Netflix ha quindi affermato che lo spettacolo era fittizio e quindi protetto dal Primo Emendamento, e che l'obiettivo del riferimento a lei nella serie era "riconoscerla, non denigrarla". Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Virginia A. Phillips ha sostenuto il contrario, e che la serie - essendo un'opera di finzione - non la rendeva immune dalle conseguenze della realizzazione.

"Netflix non cita, e la Corte non è a conoscenza, di alcun caso che precluda le richieste di diffamazione per la rappresentazione di persone reali in opere altrimenti di fantasia", ha scritto Phillips. "Il fatto che la serie fosse un'opera di fantasia non isola Netflix dalla responsabilità per diffamazione se tutti gli elementi di diffamazione sono altrimenti presenti".

"Uno spettatore medio potrebbe facilmente interpretare la battuta, come sostiene la querelante, come 'denigrare i risultati della querelante' e come 'lo stigma che le donne portano un distintivo di inferiorità' che la donna americana immaginaria Harmon, ma non la querelante, potrebbe superare”, ha scritto il giudice. "Per lo meno, la battuta è sprezzante dei risultati centrali per la reputazione del querelante".

Sebbene La Regina degli Scacchi presentasse un disclaimer per quanto riguarda gli eventi romanzati, Phillips ha stabilito che il messaggio non era sufficiente per impedire agli spettatori di credere che l'affermazione fosse accurata:
"Nel contesto, quindi, Netflix 'ha creato l'impressione che stesse affermando fatti oggettivi'.", ha scritto Phillips. "L'attore adduce sufficientemente la falsità perché la battuta è 'ragionevolmente suscettibile di un'interpretazione che implichi un'asserzione di fatto dimostrabile falsa'.".

Fonte: Comic Book

X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.