Riverdale 4: la Recensione del 13° Episodio "Chapter Seventy: The Ides of March"

Riverdale 4: la Recensione del 13° Episodio "Chapter Seventy: The Ides of March"

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Un nuovo episodio di Riverdale è appena uscito qualche giorno fa, con un titolo molto evocativo: “Le idi di Marzo”.
Finalmente viene fatta luce su alcuni misteri che ci hanno lasciato un po' con l’amaro in bocca nelle precedenti puntate, che ci hanno reso molto caotica la visione. 

Ricordiamo che la scorsa puntata di Riverdale ha visto anche l’entrata in scena di Lucy Hale nei panni di Katy Keene, dopo che Veronica è andata a New York per un colloquio universitario e ha quindi deciso di incontrarla. Proprio la settimana scorsa è iniziata Katy Keene, spin-off di Riverdale, clicca qui per leggere la nostra recensione.

Riverdale 4: la Recensione del 13° Episodio "Chapter Seventy: The Ides of March"

Ritornando a noi, la cosa più interessante di questo episodio è che finalmente si ricostruiscono le vicende che anticipiamo la scomparsa di Jughead e, quindi, la sua morte. Siamo finalmente giunti a quella fatidica notte nel bosco, introdotta nel season finale della scorsa stagione. Scopriamo insieme cos’è accaduto durante l’episodio, intitolato Chapter Seventy: The Ides of March.

Archie

Archie-bello finalmente si è reso conto che è un personaggio inutile come le tette su un uomo, quindi preso un po' dall'ansia per il futuro comprende che essere il Paladino Rosso non fa curriculum per trovare un lavoro, nè tanto meno reddito, ragion per cui lo vediamo in riflessione profonda sul da farsi. 

In cerca di una soluzione per il mancato diploma e con l’allontanarsi sempre di più la possibilità di andare al college, si ritrova solo e spaventato, impaurito dalla possibilità di perdere i suoi amici quando, una volta usciti dal liceo, proseguiranno il loro percorso universitario, lasciandolo indietro. Cavolo, finalmente qualche neurone si è attivato nella sua testa. 

Veronica

Ronnie è totalmente dedita al rum e alle scoperie perverse ( tanto per citare un “capolavoro” mondiale come “50 sfumature”).
La scoperta della malattia del padre la distrugge, e finisce per affogare ogni dispiacere nell' alcool. Afflitta, viene confortata dal fidanzato, che le suggerisce di mantenere attivo il padre con ciò in cui riesce meglio: gli affari. Sarà davvero ammalato il nostro Corleone sudamericano? Siamo come San Tommaso, non ci fidiamo molto.

C'è una bella gatta da pelare per la ragazza, ovvero la sorella rompi scatole Hermosa che, ficcando il naso dove non deve, si interessa alla vendita di rum costruita da Veronica in società con Cheryl e Toni.

L’astio e la voglia di accaparrarsi le attenzioni del padre è uno scontro perpetuo che non accenna a fermarsi tra le due sorelle, accentuato dalla malattia del malavitoso.

Jughead e Betty

Non passa bei momenti il nostro Serpent preferito: il contratto per il libro gli è stato revocato data la storia inconsistente. Però non vuole arrendersi e cerca di scrivere un nuovo romanzo nel tempo record di una settimana, incentrando la storia sulla sua esperienza alla Stomewell Prep, coadiuvato dalla sua compagna Betty.

Il Serpents, insieme alla nostra Bionda Atomica fanno una scoperta rilevante e destabilizzante: il marchio dei Baxter Brothers sta per pubblicare un nuovo romanzo che nientepopodimeno non è altro che il primo romanzo scritto da Jughead, ritenuto poco adatto e bocciato. Non avendo più diritto di prelazione sui suoi scritti, la coppia sembra uscire sconfitta da questa battaglia. 

Jughead viene cacciato dalla Stomewell Prep per aver ricattato Bret, ma non prima che lui lo inviti alle Idi di Marzo, una festa nei boschi della città. Siamo sempre più vicini alla fine del mistero misterioso di tutta la stagione.

La puntata termina con un salto temporale poco lontano dagli accadimenti di questo episodio, dove si chiariscono i misteri e le perplessità sulla morte del Serpents, o così ci vogliono far credere. Dopo aver parlato con Donna, la Dark Betty si sarebbe risvegliata causando la morte del fidanzato, cosa che non risulterebbe poi così strana visto che già nell’episodio 9 Betty tentava in tutti i modi di reprimere il suo lato oscuro. Sono Archie e Veronica a trovare Betty in la pietra in mano sopra il cadavere del Serpents. Ma il ragazzo è davvero morto o è semplicemente un rappresentazione visiva della trama del suo libro?

Riverdale 4: la Recensione del 13° Episodio "Chapter Seventy: The Ides of March"

Sembra tutto ormai chiaro, forse fin troppo. Probabilmente il prossimo episodio ci rivelerà il mistero che si cela dietro la vicenda, ma è tutto troppo semplice e scontato... sicuramente c’è qualcosa che non torna.

In attesa del prossimo episodio, ci gustiamo il relativo video promozionale:

C'è da fare una piccola premessa: ormai Riverdale ha perso tutto lo charme che aveva nelle prime stagioni, una cosa molto comune quando si inizia a tirare un po' per le lunghe una serie. Dopo molti episodi scarni e senza sapore, quest’ultimo episodio rialza però il livello dello show (anche se non di molto).

Una puntata interessante tutta incentrata sui "fantastici quattro" Archie, Betty, Veronica e Jughead, dove viene dato molto spazio alle loro fragilità e intimità. I personaggi vengono umanizzati e mostrati nelle loro insicurezze, dimostrando come la serie non offre solo momenti di enorme trash. 

Assurdità a parte questa puntata merita, con Betty e Jug che tengono alto l’onore della baracca. 

madforseries.it

4,0
su 5,0

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.