Otto Curiosità che (forse) non sapevi su La Casa Di Carta

Otto Curiosità che (forse) non sapevi su La Casa Di Carta

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Poco più di un mese fa la quarta parte de La Casa di Carta ha visto il suo debutto su Netflix e ha letteralmente diviso il pubblico tra gli entusiasti e i delusi. Vuoi sapere da che parte stiamo? In questo articolo trovi la nostra recensione.

È impossibile immaginare Netflix senza uno degli spettacoli più seguiti mai creati. Ma sapevi che prima che il gigante dello streaming la aggiungesse al suo catalogo, La Casa di Carta era sull'orlo della cancellazione? Questo è solo uno dei molteplici aneddoti che il documentario di Netflix La Casa di Carta: Il Fenomeno ha rivelato.

Nel giro di un'ora, il documentario spiega l'inaspettato boom della popolarità e della fama, tuffandosi inoltre nell'impatto culturale che questo spettacolo ha rappresentato. In tutto il mondo, l'iconica maschera dello show è stata utilizzata nelle proteste e nelle ribellioni, dalla Francia all'Iraq.

Se stai leggendo questo articolo significa che sei un fan della serie spagnola, ma sei sicuro di saperne proprio tutto?

1. La serie era destinata al fallimento

Quando la prima stagione de La Casa di Carta è stata presentata in anteprima in Spagna, ha mostrato risultati promettenti: il suo primo episodio ha attirato 4,5 milioni di telespettatori sul canale spagnolo Antena 3, ma con la trasmissione degli episodi successivi le cose hanno iniziato a precipitare. I creatori e il cast si erano già rassegnati al fatto che la serie fosse un flop, quando è arrivato Netflix e l'ha acquisita.

Netflix ha aggiunto La Casa di Carta al suo catalogo con poca pubblicità, senza farne alcun annuncio plateale. Indipendentemente da ciò, gli abbonati al servizio di streaming l'hanno trovato e se ne sono innamorati. A posteriori, possiamo dire che l'investimento del gigante dello streaming è stato ben ripagato!

2. La prima stagione è stata girata solo a Madrid

Nonostante il fatto che La Casa di Carta sia sempre stato uno show legato all'internazionalità, per tutta la prima stagione la serie non ha mai lasciato la Spagna. Tutte quelle località sono state ricreate grazie ad alcuni lavoratori del settore e alla CGI. Ora che la serie è una delle più popolari di Netflix, il suo budget è aumentato notevolmente, il che ha permesso che la seconda stagione fosse internazionale tanto quanto i nomi della banda.

3. È la serie Netflix più vista in 6 Paesi

Secondo il documentario di cui parlavamo, La Casa di Carta è lo show più visto in assoluto su Netflix in Francia, Italia, Argentina, Cile, Brasile e Portogallo. La serie ha anche importanti fan in Nord Africa, Medio Oriente e Turchia. Quindi sì, dire che la serie è popolare è un po' riduttivo!

4. Stephen King e Neymar sono fan della serie

Mentre la serie ha guadagnato sempre più fan col passare del tempo, sempre più celebrità hanno indossato le loro tute rosse e le maschere di Salvador Dalì. Ma due dei più grandi nomi di personaggi ossessionati dallo spettacolo sono Stephen King e il calciatore brasiliano Neymar da Silva Santos Júnior. Neymar ha anche realizzato un cameo, vestendo i panni di uno dei monaci!

5. Gli script non vengono scritti in anticipo

Questo potrebbe essere il dettaglio più scioccante, data la complessità dei piani di fuga a cui assistiamo nel corso della serie. Gli script per la serie non sono scritti in anticipo, ma vengono creati a fianco delle riprese. Questo fa sì che gli sceneggiatori possano capire meglio cosa richiede una sceneggiatura e adattare così la direzione della serie. Quindi se un attore o un regista pensa a qualcosa di veramente straordinario sul set, lo spettacolo stesso può cambiare in un secondo dirigendosi verso una nuova direzione.

Per fare un esempio, la parte 3 presenta un flashback in cui il Professore (Álvaro Morte) insegna ai suoi "studenti" come eseguire un intervento chirurgico in caso di emergenza. Una volta tirato fuori un maiale morto su cui esercitarsi, Marsiglia (Luka Peros) si rifiuta immediatamente. Se vi state chiedendo il perché, il motivo è che l'attore è un attivista per i diritti degli animali.

Questo dettaglio è stato originariamente incluso al volo per dare un po' di leggerezza a questa scena particolarmente tesa, ma con il progredire della stagione, gli scrittori hanno attinto a questo inaspettato sviluppo del personaggio. Il legame di Marsiglia con gli animali, in particolare il suo vecchio cane, divenne un elemento umanizzante per il suo personaggio che gli permise di legare con il Professore in lutto.

Otto Curiosità che (forse) non sapevi su La Casa Di Carta

6. Girare alcune scene è stato particolarmente difficile

Ci sono due scene che il documentario mette in evidenza come più difficili di tutte le altre: Denver (Jaime Lorente) che ruba l'oro della Banca di Spagna mentre si trova sott'acqua e la squadra che distribuisce denaro da un dirigibile nell'affollato centro di Madrid. Per girare la scena sott'acqua, la crew ha dovuto ricostruire il set all'interno di una speciale cisterna situata nel Regno Unito, ma c'era un problema con i lingotti d'oro fatti di...schiuma. Prima hanno iniziato a galleggiare, quindi avevano bisogno di essere trivellati. Una volta forati, hanno iniziato a collassare sotto la pressione dell'acqua. Riuscire a girare correttamente questa scena ha richiesto molte idee rapide e correzioni in post produzione.

Ma la scena del denaro è stata il vero incubo di questa stagione: non solo è stato quasi impossibile lanciare gli euro come voleva il regista, ma il meteo continuava a cambiare. Ci sono voluti diversi tentativi, ma alla fine sono riusciti a concludere la ripresa.

7. Se pensi che il Professore sia un nerd...hai ragione

Il documentario evidenzia una chiave molto importante per il successo della serie: come spiega allegramente il creatore dello show, il Professore dovrebbe essere un perdente. Dovresti pensare a lui come a un accademico maldestro che è più a suo agio nell'insegnare una lezione che nel far colpo sulle donne. Ma è questo leader inaspettatamente maldestro che rende La Casa di Carta così interessante, ed è proprio grazie alla sua dedizione alla precisione che le rapine sono fenomenali!

8. La precisione della terza e quarta parte

Dallo sfondare in una camera blindata piena d'acqua alla presa degli ostaggi, l'infiltrazione della squadra alla Banca di Spagna non è stata solo una questione di inquadrature e lavoro di telecamera. Il team dietro le quinte ha fatto una marea di ricerche per rendere il più realistico possibile la rapina. Ciò ha incluso l'assunzione di un ingegnere marittimo per aiutare con la progettazione dell'anticamera e diversi metalmeccanici per imparare il modo più semplice per fondere l'oro e trasportarlo lontano dalla banca. 

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.