Stranger Things 4: Noah Schnapp e Millie Bobby Brown parlano della Sessualità di Will

Stranger Things 4: Noah Schnapp e Millie Bobby Brown parlano della Sessualità di Will

Scritto da:  - Data di pubblicazione: 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

Con una miriade di nuovi personaggi e cinque ambientazioni principali, è quasi sorprendente che la stagione 4 di Stranger Things abbia anche il tempo di esplorare momenti di crescita personale. Ma chiunque abbia seguito il viaggio di Will Byers (Noah Schnapp) nel corso dello show, ha notato che il ragazzo sopravvissuto al Sottosopra ha lottato per riconnettersi con i suoi vecchi amici per ragioni che non sembrano avere molto da fare con l'essere catturati da un Demogorgone: in molti hanno infatti notato che sembrerebbe che Will sia gay e sia cercando il momento giusto per fare coming out.

Questa impressione si è rafforzata nella quarta stagione. Nel primo episodio, Will e Undici (Millie Bobby Brown) devono fare una presentazione nella loro nuova scuola superiore californiana su un eroe che ammirano, occasione in cui Will sceglie Alan Turing, il matematico gay che negli anni '50 è stato perseguito per la sua sessualità e costretto a subire la castrazione chimica. Will si allontana inoltre da una ragazza che mostra interesse per lui, e quando Mike (Finn Wolfhard) fa visita a Hawkins nell'episodio 2 durante le vacanze di primavera, Will sembra affranto dal fatto che Mike sia stato così indifferente nei suoi confronti a favore della sua ragazza, Undici.

Più tardi, nell'episodio 4, quando Mike confida a Will che desidera aver espresso i suoi sentimenti per Undici in modo più chiaro, Will offre spunti che potrebbero facilmente applicarsi a chiunque abbia il coraggio di fare coming out con un migliore amico:
"A volte penso che sia spaventoso aprirsi in quel modo, per dire come ti senti veramente, specialmente alle persone a cui tieni di più. Perché se...e se a loro non piacesse la verità?".

In un'intervista Schnapp ha parlato di come gli sceneggiatori dello show, guidati dai creatori e produttori esecutivi Matt e Ross Duffer, si sono avvicinati alla sessualità di Will:
"Credo che non affronteranno mai la questione, non dicono apertamente com'è Will. Penso che sia questo il bello, dipende dall'interpretazione del pubblico, se Will si rifiuta di crescere o cresce più lentamente dei suoi amici, o se è davvero gay".

A questo punto, è intervenuta Brown: "Posso solo dire che è il 2022 e non dobbiamo etichettare le cose. Penso che la cosa davvero bella del personaggio di Will sia che è un semplice essere umano che attraversa i suoi demoni e problemi personali. Tanti ragazzi non lo sanno, e va bene così. Va bene non saperlo. E va bene non etichettare le cose".

Schnapp è d'accordo con la collega: "Trovo che le persone vogliano solo mettere un'etichetta su di lui, vogliono solo saperlo per dire: 'Oh, ok'. È solo confuso e sta crescendo. Ed è questo che significa essere un bambino".

Tuttavia, altri membri del cast di Stranger Things sembrano avere un punto di vista più definitivo su Will. In un video promozionale per Netflix Messico pubblicato il 23 maggio, a Finn Wolfhard, David Harbour, Winona Ryder e Caleb McLaughlin viene chiesto delle teorie dei fan per lo spettacolo, inclusa quella secondo cui Will e Undici hanno una relazione segreta in California, nascondendolo a Mike:
"Se avete guardato lo spettacolo, dovreste sapere che Will non è interessato a Undi", ha affermato Harbour. "È interessato a qualcun altro nel gruppo. Will vuole stare nel seminterrato con Mike a giocare a D&D per il resto della sua vita".
Wolfhard ha poi affermato che la relazione tra Will e Undici è tipo "fratello e sorella", e ha suggerito che il pubblico "scoprirà presto chi interessa a Will".

Nel frattempo Schnapp e Brown si dicono felici che la sessualità di Will sia rimasta indefinita:
"È un ruolo così straordinario per Noah", afferma Brown. "Essere un modello per i più giovani che non sanno cosa stanno passando, crescendo". "Will è un po' come una zebra in un campo di cavalli", aggiunge Schnapp. “Si distingue. È semplicemente bello vederlo e mostrarlo in Stranger Things per consentire ai fan di connettersi e di relazionarsi con lui. Perché così tanti dei nostri telespettatori sono ragazzini che si trovano in quella fase della loro vita”.

Il secondo volume della quarta stagione di Stranger Things arriverà su Netflix il 1° luglio.

Fonte: Variety

 
X

Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per "interazioni e funzionalità semplici", "miglioramento dell'esperienza", "misurazione" e "targeting e pubblicità" come specificato nella informativa sui cookie. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.
Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante "Accetta". Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.

Scopri di più