Defending Jacob: trapelati dei Retroscena sul Finale della Serie TV targata Apple

Defending Jacob: trapelati dei Retroscena sul Finale della Serie TV targata Apple

Scritto da:  - 

Attenzione: questo articolo contiene spoiler

La miniserie in otto episodi di Defending Jacob del 2020, tratta dall'omonimo romanzo di William Landay, è uscita sulla piattaforma Apple TV+ il 24 Aprile. Ideata da Mark Bomback, sceneggiature statunitense, narra le vicende di Andy Barber, interpretato da Chris Evans (Avengers: Endgame), assistente procuratore distrettuale,che si trova a difendere il caso di suo figlio accusato di omicidio.

Il finale della serie si discosta dal romanzo di William Landay del 2012 in due modi chiave. Chris Evans, Michelle Dockery e il creatore Mark Bomback spiegano cosa succede e perché la serie termina con una nota più ambigua rispetto al libro.

Il finale di Apple TV + rifiuta di rispondere a qualsiasi domanda, lasciando invece gli spettatori al buio come Andy e Laurie Barber, i genitori del personaggio accusato. Mentre sia il procuratore distrettuale Andy (Chris Evans) che l'insegnante Laurie (Michelle Dockery) vacillano per l'innocenza (o la mancanza) del figlio durante la serie, gli episodi successivi rivelano che entrambi sono stati complici nel nascondere comportamenti sospetti, e l'uomo che è venuto avanti e confessato il crimine fu ricattato dal padre criminale di Andy.

Il finale della serie è molto più ambiguo del libro: nel romanzo di William Landay del 2012, la ragazza che Jacob incontra in vacanza risulta morta, confermando i peggiori sospetti di Laurie. Jacob muore all'istante in un incidente d'auto. Ma nella serie rimane tutto sospeso, lasciando nello spettatore quella curiosità ed incertezza che rendono lo show davvero intrigante.

Il cast principale più lo sceneggiatore sono stati intervistati da The Hollywood Reporter. Queste le dichiarazioni dello sceneggiatore Bomback:
“Ciò a cui ero veramente interessato era creare nello spettatore questa forma di soggettività molto potente, l’immedesimazione completa nelle emozioni che entrambi i genitori stanno vivendo. Penso che per ognuno di loro, rimarrà sempre un persistente dubbio".

“Penso che nella nostra versione, tutti affrontino la vergogna e la colpa in modo diverso e non credo che Laurie abbia un meccanismo di difesa così forte per coprire una bugia così grande che determina un altro crimine molto grave. Penso che sia molto più interessante e lascia molto di più da esaminare in termini di come siamo in grado di sopravvivere quando apprendiamo dure realtà. Hai bisogno della purificazione della verità o puoi sopravvivere trovando un equilibrio magari essendo solo un po' più oscuro?” - Continua così il discorso Evans.

Michelle Dockery, l’attrice che interpreta Laurie Barber, afferma che è chiaro che la made sia nel caos del trauma che sta vivendo e l'ambiguità della sua decisione ha richiesto molto lavoro per calibrarsi correttamente:
“Mi piace che sia ambiguo, ogni inquadratura è stata ben calibrata per l’espressione del mio personaggio. Quindi ci è voluto molto tempo per perfezionarlo, e penso che lo abbiano fatto davvero bene nel montaggio. E poi ovviamente la scena che segue è aperta all'interpretazione. penso che si dipana. Ma è stato interessante interpretare qualcosa di ambiguo, perché come attori, a volte mi sento come mi piace quella certezza. A cosa sto giocando? E io cosa credo? E a volte devi davvero lasciarlo alle persone intorno a te e toglierti quella pressione da solo, e poi tutto arriverà sullo schermo”.

Il suo rapporto con Chris Evans è stato certamente molto buono e tutta l'atmosfera sul set era molto leggera:
“Sul set c'era un'energia così grande. Nonostante l'argomento trattato, si respirava un'atmosfera molto leggera. Quando lavori su qualcosa di così intenso, tutti sono consapevoli di dover affrontare momenti più rilassati e spensierati nel mezzo. Con Chris era così. C'era un buon equilibrio".

Sul finale aperto l'attrice ha poi detto:
“Mi piace che il finale sia così ambiguo, ognuno può pensare ciò che vuole. La scelta è affidata al pubblico. Laurie in cuor suo però conosce la verità".

Defending Jacob è una serie complessa è ben strutturata, forte delle emozioni dei protagonisti, grazie ad un ottimo cast e una scrittura intrigante. Qui si può leggere la recensione del primo episodio.

Fonte: The Hollywood Reporter

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook:  
X

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.